Home > Webzine > Primopiano > Festival dei Diritti: "Meticcio", presentazione del libro di Bruno Barba alle Murate PAC
giovedì 24 gennaio 2019

Festival dei Diritti: "Meticcio", presentazione del libro di Bruno Barba alle Murate PAC

30-11-2018

Venerdì 30 Novembre alle ore 18.30, il Festival dei Diritti prosegue con la presentazione del libro Meticcio. L'opportunità della differenza (effequ) dell’antropologo e docente universitario Bruno Barba. Il libro ha la prefazione di Marco Aime, uno dei più eminenti teorici dell’antropologia culturale e della mescolanza, e la postfazione del genetista di fama mondiale Guido Barbujani.
Il saggio, ripubblicato in un’edizione ampliata, ha l’obiettivo di destrutturare – anzi, decolonizzare – la nostra mente, per imparare a pensare per nuove categorie. Partendo dalla storia si intraprende un percorso che si pone come il ‘manifesto del meticciato contemporaneo’: una riflessione cruciale per il nostro tempo, un’affilata antropologia dell’in-differenza.
L’incontro prevede un dialogo proprio tra Bruno Barba e Marco Aime sui temi del meticciato e della felice mescolanza tra culture e si svolgerà nello spazio PAC | Progetti arte contemporanea delle Murate (Via dell'Agnolo), e sarà introdotto da un concerto del coro CONFusion, diretto da Benedetta Manfriani.
Partecipa all’incontro l’Assessora Sara Funaro del Comune di Firenze.

Il libro:
L'umanità è fatta di mescolanze: come insegnano le culture mediterranee, caraibiche, sudamericane, il meticciato rappresenta un destino ineluttabile: non da subire passivamente, bensì da considerare come un’occasione imperdibile per una decisa apertura alla diversità e alla scelta. È il momento di promuovere l’essere transculturale, la nuova mobilità planetaria, di affrontare il nostro tempo con strumenti interpretativi adatti, senza alcun timore. Nessuno perderà la propria identità, al contrario la rafforzerà e la celebrerà, attraverso il processo di ibridazione.

Bruno Barba è Ricercatore di Antropologia del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Genova. Da più di vent’anni studia il meticciato culturale e il sincretismo religioso del Brasile. Tra le sue pubblicazioni Bahia, la Roma Negra di Jorge Amado, (Unicopli 2004), La voce degli dèi (Cisu 2010), La XXXIII squadra (effequ 2010), Dio negro (Seid 2013), No País do futebol (effequ 2014), Rio (Odoya 2015), Calciologia (Mimesis, 2016), San Paolo (Odoya 2017), 1958. L’altra volta che non andammo ai Mondiali (Rogas 2018). Tra le sue traduzioni Mitologia degli Orixá (Edit 2015) di Reginaldo Prandi.

Iniziativa a cura di effequ in collaborazione con l’iniziativa Libri in festa. Leggere in Toscana e La Nottola Di Minerva.

Info: www.effequ.it 

Per maggiori informazioni sul Festival dei Diritti:
https://portalegiovani.comune.fi.it/pogio/news_publish/primopiano_dettaglio.php?ID_REC=16397