Home > Informazioni > Volontariato & Pace > "E il cane incontrò l'uomo", alla Scuola di Scandicci la giornata affidamento cuccioli
domenica 08 dicembre 2019

"E il cane incontrò l'uomo", alla Scuola di Scandicci la giornata affidamento cuccioli

18-05-2019

Come ogni anno, sarà soprattutto una festa quella che si terrà, sabato 18 maggio 2019, alla Scuola nazionale cani guida per ciechi di Scandicci (via dei Ciliegi 26), per la promozione dell'affidamento dei cuccioli. La giornata, organizzata da Regione Toscana e Scuola cani guida, si aprirà alle 9.30, con l'illustrazione del progetto di affidamento a tutti coloro che vorranno visitare la Scuola: il personale della Scuola sarà a disposizione per dare tutte le informazioni sul progetto di affidamento cuccioli. Alle 12 è previsto l'arrivo delle famiglie affidatarie e degli altri invitati. Alle 12.30 l'intervento dell'assessore al diritto alla salute e al welfare della Regione. L'assessore ricorda che la Scuola cani guida è un'istituzione preziosa, non solo per la nostra reigone, ma per tutta Italia, perché i cuccioli addestrati a Scandicci vengono poi assegnati a persone non vedenti di tutte le regioni. E invita quante più famiglie possibile a candidarsi per l'affidamento dei cuccioli, perché quanti più cuccioli vengono addestrati, tanto più è possibile rispondere in tempi brevi alle domande che arrivano da ogni parte d'Italia.

Il progetto di affidamento dei cuccioli

La Scuola Nazionale Cani Guida per Ciechi della Regione Toscana, che ha sede a Scandicci, ormai da anni si avvale della collaborazione di famiglie volontarie per educare e socializzare i propri cuccioli destinati a diventare dei meravigliosi cani guida per le persone non vedenti che ne fanno richiesta e che, provenendo dall'intero territorio nazionale, spesso devono attendere molto tempo prima di essere convocati per la consegna del cane.

Anche per questo motivo la Scuola Cani Guida di Scandicci ha avviato un progetto finalizzato ad abbattere i tempi di attesa per la consegna di un cane guida. Per far questo, oltre a produrre un numero maggiore di cuccioli, ha bisogno di nuove famiglie affidatarie. Infatti, durante il primo anno di vita i cuccioli vengono affidati a famiglie volontarie che collaborano con la Scuola per consentire che i cani assimilino le corrette regole educative e comportamentali abituandoli alle realtà urbane e sociali e, comunque, alle varie situazioni che incontrerà quando sarà un cane guida.

Il programma di socializzazione prevede di norma rientri periodici dei cuccioli presso la scuola (una settimana ogni mese) per controllare il corretto svolgimento del programma, correggere eventuali problemi comportamentali insorti e rendere dolce e graduale il reinserimento finale nella Scuola una volta giunti all'anno di età.

I primi mesi di vita del cucciolo sono molto importanti per la formazione del suo carattere e la sua corretta educazione influenzerà positivamente il comportamento del futuro cane guida. La decisione di prendere un cucciolo in affidamento deve essere condivisa da tutta la famiglia, perché ogni suo componente dovrà fornire al cane attenzione, affetto, momenti di gioco e costanza nell'educazione. Sempre seguendo il programma di socializzazione, si dovrà esporre il cucciolo a quante più esperienze possibili, introdurlo con gradualità in tutte le varie situazioni ambientali e fargli prendere confidenza con tutti i mezzi di trasporto.

E' preferibile che le famiglie interessate ad aderire a questo progetto siano residenti a Firenze e provincia (è comunque possibile collaborare con famiglie residenti anche in zone più lontane, l'importante è che siano disponibili a frequenti spostamenti per raggiungere la Scuola). Tutte le spese riguardanti il mantenimento e la cura veterinaria del cane sono a carico della Regione Toscana. La Scuola è disponibile in ogni momento per consigli e suggerimenti e provvede a fornire gli alimenti, i vaccini, le cure veterinarie, i vari corredi, ecc.

Durante il corso di consegna dei cani guida alle persone non vedenti, la Scuola organizza un incontro fra le famiglie affidatarie dei cani guida in consegna e gli allievi stessi. E' un momento particolare ed emozionante e per le famiglie affidatarie il momento conclusivo dell'impegno mostrato durante tutto il periodo di affidamento. Sabato 18 maggio è una di queste giornate. L'evento di domani è stato organizzato proprio in occasione dell'incontro tra allievi e affidatari, nel mezzo del corso di consegna dei cani guida alle persone non vedenti, che è iniziato il 13 e terminerà il 25 maggio, ed è stato esteso a tutte le altre famiglie coinvolte in questa particolare forma di volontariato.

Attualmente collaborano con la Scuola circa 70 famiglie.

Per qualsiasi informazione è possibile contattare il personale della Scuola dal lunedì al sabato, dalle 7.30 alle 13.00, al numero 055/4382855 o all'indirizzo mail scuola.cani.guida@regione.toscana.it

Su Toscana Accessibile guarda le pagine dedicate alla Scuola nazionale cani guida per ciechi:
http://open.toscana.it/web/toscana-accessibile/scuola-nazionale-cani-guida-per-ciechi