Home > Informazioni > Volontariato & Pace > "Una vita da social", la campagna educativa itinerante fa tappa a Firenze
giovedì 21 novembre 2019

"Una vita da social", la campagna educativa itinerante fa tappa a Firenze

23-05-2019
Un Tour itinerante di 47 tappe sul territorio nazionale realizzato dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza. Mercoledì 22 Maggio è arrivata a Firenze, in Piazza SS. Annunziata, la 6^ edizione di “Una Vita da Social”, la più imponente campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della Rete per i minori.  Ancora una volta al fianco della Polizia Postale e delle Comunicazioni aziende come Baci Perugina, Facebook, Euronics, FireEye, Google, Instagram, Nexi, Karpesky lab, Skuola.net, Vodafone, WindTre, Youtube.

L’evento di prevenzione “Una Vita da Social” nella tappa fiorentina, è stato rivolto a studenti e docenti di alcuni Istituti Scolastici di Firenze con il coinvolgimento dell’Istituto degli Innocenti, la cui secolare sede si affaccia proprio sulla centralissima Piazza SS. Annunziata.

I social network sono ormai uno strumento di comunicazione del tutto integrato nella quotidianità dei teenager e in virtù del numero sempre maggiore degli adolescenti presenti sul web hanno determinato una crescita esponenziale dei minori vittime di reati contro la persona che negli anni è raddoppiato: dai 104 casi registrati nel 2016 si è passati a 177 nel 2017 e 208 casi trattati nel 2018, le vittime hanno tutte un’età compresa tra i 14 e i 17 anni.
Ancora oggi i ragazzi si esprimono e sembrano pensare che il web sia un po’ “una terra di nessuno”, dove si scambiano messaggi e post senza pensarci troppo e le azioni online vengono valutate spesso come un gioco privo di conseguenze.
Tra i giovani è ormai acclarata la selfie-mania. È questa una delle evidenze di una ricerca condotta da Skuola.net, Università di Roma ‘Sapienza’ e Università Cattolica di Milano per conto della Polizia di Stato – intervistando 6.671 giovani tra gli 11 e i 25 anni. Il selfie è sempre più caposaldo della propria identità per le nuove generazioni. La metà del campione ne scatta almeno 4 prima di pubblicarlo sui social, cosa che avviene con frequenza almeno settimanale in 9 casi su 10. Il web è letteralmente inondato di immagini che li ritraggono, raccontando molto di sé, della propria identità e magari dei luoghi frequentati, con tutti i rischi del caso.

Attraverso il progetto “Una vita da social”, gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno incontrato oltre 1 milione e 700 mila studenti sia nelle piazze che nelle scuole, 180.000 genitori, 100.00 insegnanti per un totale di 15.000 Istituti scolastici, 250 città raggiunte sul territorio e due pagine twitter e facebook con 126.000 like e 12 milioni di utenti mensili sui temi della sicurezza online. Il truck allestito con un’aula didattica multimediale è partita da Matera lo scorso 25 gennaio e concluderà il suo tour a Roma, toccando le principali città italiane, dove gli operatori della Polizia Postale incontreranno studenti, genitori e insegnanti sui temi della sicurezza online con un linguaggio semplice ma chiaro adatto a tutte le fasce di età.
Inoltre, quest’anno gli studenti attraverso il diario di bordo “ https://www.facebook.com/unavitadasocial ” potranno lanciare il loro messaggio positivo contro il cyberbullismo.

Per maggiori informazioni: www.commissariatodips.it/vita-da-social.html