Home > Informazioni > Volontariato & Pace > Borse di studio per Amatrice grazie alle lettere di mamme ai figli scomparsi
domenica 18 agosto 2019

Borse di studio per Amatrice grazie alle lettere di mamme ai figli scomparsi

03-06-2019

"Care mamme, grazie per il vostro dono. Faremo di tutto per onorarlo e per continuare gli studi nel nome dei vostri figli". Poche parole pronunciate da Massimiliano e Claudia, due giovani studenti di Amatrice che hanno ricevuto le borse di studio, generate dal libro Lettere senza confini, curato dalla giornalista fiorentina Gaia Simonetti. Lo spazio più lungo è stato dedicato all'abbraccio tra i ragazzi e le mamme sul palco del teatro Vespasiano di Rieti nel corso della premiazione del concorso letterario "Filippo Sanna", il giovane scomparso col terremoto di Amatrice, a cui è indirizzata la lettera di mamma Stefania presente nel libro pubblicato da Edizioni Adv: "Dopo averti visto uscite vivo dalle macerie, ho sperato nel miracolo. Mi rimangono i ricordi nitidi di quando salivo in mansarda a osservarti mentre dormivi e con le tue spalle larghe abbracciavi il cuscino...".

Si conclude così il primo percorso del libro di lettere di mamme a figli che non ci sono più, che ha portato la loro testimonianza in più città italiane, nei teatri e nelle scuole. Il progetto è partito dal dolore di 6 mamme di Firenze, Mantova e Rieti, per poi raggiungere altre mamme di altre città, che hanno scavato nell'anima per dar vita ad uno scrigno di emozioni e lo hanno condiviso e declinato alla speranza. La loro base di partenza è "disegnata" da una frase di Martin Luther King:"Un giorno la paura bussò alla porta, il coraggio si alzò e andò ad aprire e vide che non c'era nessuno".