Home > Informazioni > Volontariato & Pace > TAM TAM, architettura temporanea per una nuova periferia
sabato 11 luglio 2020

TAM TAM, architettura temporanea per una nuova periferia

28-06-2020

Un progetto per tornare a vivere il proprio quartiere e gli spazi pubblici, con la giusta cautela ma senza paura. La crisi generata dal Covid-19 ha sicuramente evidenziato l'importanza dello spazio pubblico e della vita di comunità nei luoghi più prossimi alla propria abitazione. Partendo da questa esigenza - e per rilanciare il concetto con cui negli anni '60 gli architetti Ferdinando Poggi, Leonardo Ricci e Leonardo Savioli andarono a progettare il quartiere di Sorgane per realizzare un sistema urbano articolato e unitario che intendeva valorizzare la socialità fra gli abitanti - nasce Tam Tam, progetto di architettura temporanea per una nuova periferia  realizzato con la comunità residente.  L'iniziativa è curata e ideata da ND Studio, team con base a Firenze che sviluppa progetti di architettura e design “human-scaled” basati su principi di sostenibilità economica, ambientale e sociale.

L'inaugurazione è prevista per domenica 28 giugno (ore 17) e il banco di prova sarà Piazza Istria. Lo spazio sarà arricchito da dispositivi architettonici temporanei che ospiteranno sedute integrate con vasche verdi, altalene, dondoli,  alberi e giochi da tavolo.  La configurazione della piazza varierà secondo un processo adattivo; un meccanismo sperimentale basato sul sistema di feedback dei cittadini, in grado di far evolvere e indirizzare il progetto a seconda delle suggestioni ricevute nel tempo. Nei mesi scorsi ND Studio - gruppo di professionisti composto da Cristina Setti, Antonio Bagni, Giulia Pagliacci, Diego Detassis, Federico Tomaselli in collaborazione con Lorenzo Nofroni -  ha stimolato gli abitanti del quartiere a ripensare la loro piazza e a raccontare come vorrebbero viverla. Adesso, a partire dalle idee e dagli spunti raccolti, saranno gli abitanti stessi a trasformarla nel luogo che hanno sempre desiderato.

Il tutto sarà reso possibile grazie alla realizzazione dei sopracitati dispositivi architettonici temporanei che, oltre a consentire una certa economicità nelle risorse per l'installazione, permettono un intervento immediato nello spazio in linea con le nuove disposizioni anticovid-19.

I principi su cui si basa TAM TAM sono quelli dell'economia circolare, dell'architettura incrementale e della social innovation. Nella realizzazione del progetto è fondamentale la  scelta dei materiali ed il loro reperimento: la parte strutturale dei  dispositivi architettonici temporanei - detti anche moduli - è infatti costituita da elementi prefabbricati che vengono noleggiati da una ditta locale, abbattendo così sia l'impatto ambientale che deriva della dismissione e della nuova produzione, sia dal riciclo dei materiali - che, sebbene rappresenti una pratica efficace, comporta un impatto ambientale ed energetico non trascurabile.
TAM TAM va quindi ad innescare un processo virtuoso, volto ad incentivare l’azione dei cittadini al riuso, stimolare una diffusa creatività individuale e collettiva e sensibilizzare una visione dello spazio inteso come bene comune di cui avere cura sia come fruitori che come artefici.

Oltre a ciò, andandosi ad inserire in un contesto post crisi covid-19, l'iniziativa ambisce a rilanciare l'importanza dello spazio pubblico e del vivere gli spazi più prossimi alla propria abitazione. Un'idea di città non più monocentrica o basata sulla gentrificazione, ma su una visione policentrica in grado di rilanciare e restituire dignità alle periferie.
La partecipazione a TAM TAM è libera e gratuita - calendario aggiornato dei vari appuntamenti su nd-nodump.it/studio/news.

Tam Tam è un'iniziativa inserita nel progetto Step by Step cofinanziato dal bando  europeo DESINGSCAPES “Design-Enabled Innovation in Urban Environments” H2020-SC6-CO-CREATION-2016-3 Progetto numero: 763784.  In collaborazione con il Comune di Firenze e Quartiere 3 del Comune di Firenze.

Per maggiori informazioni: www.nd-nodump.it