Home > Informazioni > Volontariato & Pace > Il nuovo sito della Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni
giovedì 28 maggio 2020

Il nuovo sito della Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni

21-05-2020
Uno nuovo spazio online di condivisione e interscambio di buone prassi finalizzate alla tutela dei Diritti Umani delle persone LGBT e alla promozione di una cultura sociale del rispetto e della valorizzazione delle differenze. RE.A.DY - Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni - ha promosso una campagna nazionale di sensibilizzazione e contrasto alle discriminazioni basate su genere e orientamento sessuale, il 17 maggio in occasione della "Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia", pubblicando il nuovo sito www.reteready.org.

Attraverso una struttura leggera, orizzontale e partecipata, RE.A.DY invita tutti i partner a contribuire in modo attivo alla sua gestione e sviluppo, valorizzando e mettendo in rete le azioni positive, gli atti e i provvedimenti amministrativi antidiscriminatori LGBT adottati a livello territoriale.

Uno strumento, realizzato dal Comune di Torino per la rete, pensato per diffondere le buone pratiche sviluppate dalle oltre 160 amministrazioni locali partner della rete e per informare chi volesse aderirvi. Al suo debutto anche il nuovo logo RE.A.DY, realizzato dalla Regione Toscana, con un video di animazione del grafico Gianni Zardini.

RE.A.DY nasce a Torino il 15 giugno 2006, nell’ambito del Pride nazionale, quando la Città di Torino, in collaborazione con il Comune di Roma, riunisce rappresentanti istituzionali di dodici Pubbliche Amministrazioni, tra Regioni ed Enti Locali da tutta Italia, con l’obiettivo di metterli in rete attraverso la condivisione di una Carta di Intenti, il documento costitutivo che ne definisce finalità, compiti, organizzazione e impegni.

La Regione Toscana svolge il ruolo di coordinamento a livello regionale dei soggetti aderenti alla rete RE.A.DY a cui partecipa il Comune di Firenze

Per maggiori informazioni: www.reteready.org