Home > Informazioni > Volontariato & Pace > "La grande carneficina", incontro a Palazzo Vecchio su Firenze dopo la Prima Guerra Mondiale
venerdì 22 ottobre 2021

"La grande carneficina", incontro a Palazzo Vecchio su Firenze dopo la Prima Guerra Mondiale

20-10-2021
Mercoledì 20 ottobre 2021, alle ore 17.30, la Sala d'Arme di Palazzo Vecchio ospita "La grande carneficina. Firenze dopo la Prima Guerra Mondiale tra lutti, dolori e speranze", l'incontro promosso dalla Presidenza del Consiglio Comunale e dall'Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea nel Centenario della traslazione del Milite Ignoto.

Dopo i saluti istituzionali di Luca Milani, Presidente del Consiglio comunale, e Alessandro Martini, Assessore alla cultura della memoria, sono in programma gli interventi di Nicola Labanca, professore di Storia contemporanea Università di Siena, e Roberto Bianchi, professore di Storia contemporanea Università di Firenze. L'iniziativa si conclude con il saluto di Matteo Mazzoni, direttore dell'Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea. Coordina l’incontro Luca Brogioni dell'Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea.

Il 4 novembre 1918 terminava la I Guerra Mondiale, "la Grande Guerra". Oggi la conosciamo attraverso i libri, i musei, le foto, i filmati ed i più grandi tra noi anche attraverso i ricordi, i racconti di padri e di nonni, che però non avevano sempre piacere nel ricordarla. Di quella guerra abbiamo un'idea non originale, ma mediata, diversa a seconda del mezzo attraverso il quale ce la siamo formata, diversa a seconda del nostro interesse per la storia, delle nostre convinzioni, del nostro luogo di residenza, a seconda anche della nostra età, per i giovani sono quasi esclusivamente i media - specie la televisione - a fornire un supporto alle schematiche nozioni che i programmi scolastici consentono. Eppure ci dovrebbe essere - e c'è - un ricordo comune, condiviso, di quella guerra e di quella data e di ciò che hanno significato per noi e per la nostra città.

L’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea (ISRT) è una Onlus (Organizzazione non lucrativa) ed è associato all’Istituto nazionale Ferruccio Parri, rete degli Istituti della Resistenza e dell’età contemporanea. L’Istituto promuove lo studio dell’antifascismo e della Resistenza e più ampiamente la conoscenza della storia contemporanea italiana. Collabora con gli Istituti storici della Resistenza operanti in Toscana e aderenti all’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia. Persegue esclusivamente finalità di utilità e di solidarietà sociale, raccoglie, ordina e conserva tutti i documenti, i cimeli, le pubblicazioni nonché le testimonianze riguardanti l’antifascismo, la Resistenza e gli aspetti della storia della società contemporanea che vi si ricollegano. L’Isrt custodisce ed amplia il proprio patrimonio archivistico, quello librario, l’emeroteca e il materiale audiovisivo, garantendone al pubblico la consultazione. Inoltre, l’Isrt promuove studi, ricerche e manifestazioni culturali, cura pubblicazioni monografiche e periodiche e la produzione di materiali audiovisivi sui temi di propria competenza e promuove corsi di formazione e di aggiornamento per insegnanti di ogni ordine e grado, fornendo anche sostegno per le attività didattiche, in proprio e anche di intesa con la Regione Toscana, con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, le Università, gli enti locali con altre istituzioni culturali pubbliche e private.

Prenotazione obbligatoria all'incontro entro il 19 ottobre 2021 via e-mail: isrt@istoresistenzatoscana.it 
L’ingresso sarà consentito solo ai possessori di Green Pass.

Per maggiori informazioni: www.istoresistenzatoscana.it