Home > Informazioni > Volontariato & Pace > "Quando i cervelli in fuga sono donne", incontro alla Palazzina Reale - Scuola di Agraria
venerdì 02 dicembre 2022

"Quando i cervelli in fuga sono donne", incontro alla Palazzina Reale - Scuola di Agraria

21-10-2022
Venerdì 21 ottobre 2022, alle ore 17.30, presso la Palazzina Reale - Scuola di Agraria (Piazzale delle Cascine, 18 - Firenze) è in programma l'iniziativa "Quando i 'cervelli in fuga' sono donne. Storie di scienziate, studiose e artiste che andarono a cercare lavoro all'estero ieri e oggi". Evento che si svolge nell'ambito della rassegna l'Eredità delle Donne. Saranno presenti la Rettrice Alessandra Petrucci e l'ing. Piera Levi Montalcini. Si invitano a partecipare: giovani in fuga e non, rimpatriati, genitori, fidanzati, amici di tutti i generi.

A 38 anni Rita non si era ancora sistemata. Eppure era brava. Perciò decise di accettare un posto alla Washington University di St Louis. Non intendeva star lontana da casa più di sei mesi; ci rimase trent’anni. Rita Levi Montalcini è stata l’unica scienziata italiana a vincere un Nobel, ma sono tante le studiose meritevoli che durante il ventennio o dopo si trasferirono all’estero. Oggi l’aumento di espatri fra i laureati è, dal 2009, maggiore fra le donne. La fuga dei cervelli è fenomeno non nuovo per l’Italia, ma ha una storia rimossa. A farla emergere, senza limitarsi a pochi scienziati famosi come Enrico Fermi, il sito web  Intellettuali in fuga dall’Italia fascista: https://intellettualinfuga.fupress.com/ racconta le vite in movimento di Indesiderabili al regime che scelsero di andarsene in cerca di lavoro, libertà e futuro. Il portale è in progress. Contiene finora 400 nominativi e -dato sorprendente- il 24% sono donne (appena il 4% nel Diz. Biogr. Italiani): scrittrici, scienziate, ‘medichesse’ e artiste di cui si ricostruiscono le movimentate vicende. Avevano studi e talenti da far valere; emigrando trasformarono in opportunità la necessità di cambiare vita.
La storica Patrizia Guarnieri racconterà le avventurose storie di studiose emigrate dall’Italia fascista, mostrandone foto, mappe e percorsi. Delle  ricercatrici formatesi all'università di Firenze e oggi all’estero racconteranno la propria esperienza.