Città di Firenze
Home > Informazioni > Volontariato & Pace > "Libertà, uguaglianza, tolleranza", incontro al MAD - Murate Art District di Firenze
giovedì 30 maggio 2024

"Libertà, uguaglianza, tolleranza", incontro al MAD - Murate Art District di Firenze

24-11-2023
Venerdì 24 novembre 2023, alle ore 17.30, il MAD - Murate Art District di Firenze, in piazza delle Murate, ospita "Libertà, uguaglianza, tolleranza: solo parole". L’incontro è organizzato dalla LIDU - Lega Italiana per i Diritti dell’Uomo e dalla Fratellanza Artigiana d’Italia nell’ambito del calendario OFF dell’Eredità Delle Donne 2023. Il festival, progetto di Elastica, e con partner fondatori Fondazione CR Firenze e Gucci, e la co-promozione della Città di Firenze, la collaborazione di Elle Italia e la partecipazione di Manifattura Tabacchi, sede principale del festival, è realizzato sotto la Direzione Artistica di Serena Dandini.

Le parole degli organizzatori: "Il dibattito si propone come una riflessione su ciò che è necessario per progredire nell’emancipazione femminile. Viviamo in una società in cui formalmente esiste già una sostanziale parità tra uomini e donne. È necessario fare ogni sforzo affinché la forma divenga sostanza e si passi da generiche affermazioni di facciata, senza contenuto, ad una vera cultura sentita, condivisa e accettata da tutti. In primo luogo è indispensabile riappropriarsi della nostra storia prendendo coscienza dell’emancipazione femminile e riformulare le definizioni di libertà, uguaglianza e tolleranza adeguandole alla società attuale. Lavorare ad un ulteriore progresso è obbligatorio ma sorge il dubbio che ciò sia necessario ma non sufficiente. Siamo in presenza di un imbarbarimento culturale inequivocabile. Si procede verso una generale omogeneizzazione (verso il basso) che diviene perfino un valore. Si rischia addirittura che le conquiste sociali e le libertà individuali già acquisite subiscano una grave regressione. Occorre allora ripensare profondamente le fondamenta della nostra società lavorando alla proposta di un nuovo paradigma sociale e, di conseguenza, di una nuova etica civile. Solo così riteniamo che si possa efficacemente combattere contro consuetudini e tradizioni, convinzioni morali e religiose, ed anche, e soprattutto, contro la stessa natura umana lavorando per rendere possibile la vittoria della ragione sull’istinto e realizzare una vera parità di diritti tra tutti gli esseri umani".

Per maggiori informazioni: www.murateartdistrict.it