Città di Firenze
Home > Webzine > Sport > Wanda Diamond League 2023: "Golden Gala Pietro Mennea" allo Stadio Ridolfi di Firenze
giovedì 20 giugno 2024

Wanda Diamond League 2023: "Golden Gala Pietro Mennea" allo Stadio Ridolfi di Firenze

02-06-2023

The Art Of Athletics. Gli ‘artisti’ della velocità, del mezzofondo, dei salti e dei lanci sono pronti a illuminare Firenze per regalarle un’altra notte di capolavori. Manca sempre meno alla serata stellare del 43esimo Golden Gala Pietro Mennea che venerdì 2 giugno 2023 tornerà nel capoluogo toscano a due anni dalla fortunata edizione del 2021. Il meeting tra i più prestigiosi a livello internazionale, ospitato dal 1980 dallo stadio Olimpico di Roma, è la terza tappa della Wanda Diamond League 2023, il massimo circuito mondiale dell’atletica leggera, e darà la possibilità di ammirare dal vivo moltissimi campioni olimpici e mondiali allo Stadio Ridolfi, impianto che si appresta a compiere vent’anni di vita: tanti ne sono passati dall’inaugurazione in occasione della Coppa Europa del giugno 2003.

Un cast eccezionale per una serata indimenticabile di atletica: 15 campioni olimpici e 31 campioni del mondo, in carica o in carriera, 95 medaglie complessive tra i Giochi di Tokyo, i Mondiali indoor di Belgrado e i Mondiali di Eugene, le ultime grandi rassegne globali. Sono i numeri del Golden Gala Pietro Mennea per la terza tappa della Wanda Diamond League. L’elenco degli iscritti è stato presentato in una conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Vecchio, a Firenze, alla presenza del presidente FIDAL Stefano Mei, dell’assessore allo sport del Comune di Firenze Cosimo Guccione, del meeting director Marco Sicari e del campione europeo dei 60 indoor Samuele Ceccarelli, al via di una gara fenomenale dei 100 metri che presenta il ‘clash’ tra il campione olimpico Marcell Jacobs e il campione del mondo Fred Kerley (Usa), attesissimo dagli appassionati di atletica di tutto il pianeta.

"Firenze è considerata, dopo Roma, la seconda casa dell'atletica in Italia e di questo siamo orgogliosi  - ha dichiarato l'assessore allo sport Cosimo Guccione - abbiamo un impianto, il Ridolfi, che nel 2023 festeggia i suoi primi 20 anni: non c'era modo migliore di celebrare questo importante traguardo che ospitando il Golden Gala. Sono sicuro che avremo uno stadio strapieno: portiamo a Firenze il top mondiale dell'atletica leggera. Ringrazio per questo la Fidal. E ringrazio la Regione Toscana per il supporto". "Tanti atleti, come Larissa Iapichino, Leonardo Fabbri e Samuele Ceccarelli, sono sbocciati a Firenze - ha ricordato l'assessore - l'amministrazione è convinta che sostenere le società sportive di base con il miglioramento costante degli impianti pubblici sia fondamentale. Per quesro motivo, in questi anni, abbiamo riqualificato tutte le piste di atletica della nostra città e a giugno, proprio in concomitamza con il Golden Gala, partiranno i lavori per la nuova pista di Sorgane e il nuovo pistino indoor al Ridolfi. Vogliono aggiornare le nostre strutture rendendole più efficienti sia per lo sport di base che per gli atleti che devono ottenere grandi prestazioni".

SPRINT: C’È ANCHE OMANYALA CON JACOBS, KERLEY E BROMELL
Non solo Jacobs vs Kerley sul rettilineo di Firenze. Oltre all’altro statunitense Trayvon Bromell, la novità odierna è la presenza dell’attuale leader mondiale stagionale Ferdinand Omanyala (Kenya), capace di correre in 9.84 sabato scorso a Nairobi. Nelle liste anche il quarto delle Olimpiadi di Tokyo Akani Simbine (Sudafrica), vincitore due anni fa al Golden Gala di Firenze. Nei 200 metri, non mancherà lo spettacolo: la sfida è soprattutto tra l’argento olimpico e mondiale Kenny Bednarek (Usa) e il 18enne bronzo mondiale Erriyon Knighton (Usa), ma non va sottovalutato l’oro di Oregon22 con la 4x100 canadese Aaron Brown. E a proposito di staffettisti, sfrecciano davanti al pubblico di casa anche gli azzurri Filippo Tortu e Fausto Desalu, oro olimpico a Tokyo con la staffetta. Nei 100 al femminile, fari puntati sulla britannica Dina Asher-Smith, già campionessa del mondo nei 200 a Doha 2019 e protagonista due anni fa a Firenze, sulle statunitensi Aleia Hobbs, Gabby Thomas e Tamari Davis, sull’ivoriana Marie-Josée Ta Lou. Due ori di Tokyo nei 400 al femminile con la statunitense Lynna Irby-Jackson (che ai Giochi ha corso la batteria della 4x400) e la polacca Natalia Kaczmarek in pista in Giappone con la 4x400 mista.

MEZZOFONDO: KIPYEGON-1500, IL PRIMATISTA MONDIALE CHEPTEGEI NEI 5000
Nei 1500 femminili spicca la presenza dell’oro olimpico e mondiale Faith Kipyegon (Kenya), seconda donna della storia con il suo 3:50.37 dello scorso anno a Montecarlo a soli trenta centesimi dal record del mondo di Genzebe Dibaba. Proverà a insidiarla la britannica Laura Muir, argento a Tokyo e bronzo ai Mondiali dello scorso anno. Nei 5000 metri è stato annunciato oggi il campione olimpico e primatista del mondo Joshua Cheptegei (12:35.36 nel 2020): l’ugandese ha trionfato nella scorsa estate ai Mondiali in Oregon nei 10.000 e in Italia se la vedrà con molti avversari di livello, come l’argento olimpico dei 5000 Mohammed Ahmed (Canada), l’argento mondiale Jacob Krop (Kenya), il bronzo Oscar Chelimo (Uganda), ma anche il primatista del Golden Gala Nicholas Kipkorir (12:46.33 nel giugno scorso a Roma), l’etiope due volte oro mondiale indoor dei 1500 Samuel Tefera (Etiopia) e lo spagnolo Mohamed Katir. L’oro e l’argento di Tokyo nei 3000 siepi: l’ugandese Peruth Chemutai e la statunitense Courtney Frerichs. Senza dimenticare il bronzo mondiale Mekides Abebe (Etiopia) e la primatista del mondo Beatrice Chepkoech (Kenya).

OSTACOLI: BOL REGINA, TUTTO IL PODIO DI EUGENE NEI 110HS DI HOLLOWAY
Grande attesa per Femke Bol nei 400hs: l’olandese bronzo olimpico e argento mondiale può conquistare il quarto successo consecutivo al Golden Gala dopo il 53.90 del 2020, il 53.44 del 2021 e il 53.02 del 2022. La quarta dei Mondiali, Shamier Little (Usa), è la rivale più accreditata. I 110hs si preannunciano una rivincita della finale dell’Oregon: lo statunitense Grant Holloway oro, l’altro Usa Trey Cunningham argento, lo spagnolo Asier Martinez bronzo, tutti in gara allo stadio Ridolfi.

SALTI: LUNGO DONNE DA SOGNO, L’ORO OLIMPICO E MONDIALE MOON NELL’ASTA
Qualità sopraffina nei salti, a partire dal lungo femminile, già presentato nelle scorse settimane, onorato dall’intero podio mondiale del 2022 (l’olimpionica tedesca Malaika Mihambo, la nigeriana Ese Brume, la brasiliana Leticia Oro Melo), oltre all’oro mondiale indoor Ivana Vuleta, la campionessa europea indoor Jazmin Sawyers e la beniamina di casa Larissa Iapichino, che si allena proprio allo stadio Ridolfi. Di fatto si assisterà a un’anteprima dei Mondiali di Budapest anche nell’asta femminile con l’oro olimpico e iridato Katie Moon (Usa), la campionessa mondiale indoor Sandi Morris, l’australiana terza a Eugene Nina Kennedy. Nel triplo, il focus è sul confronto tra il primatista del mondo indoor Hugues Fabrice Zango (Burkina Faso), il neo-italiano Andy Diaz, l’oro mondiale indoor Lazaro Martinez (Cuba). In pedana anche il due volte oro olimpico Christian Taylor (Usa). Nell’alto si sfidano il coreano argento mondiale Woo Sang-hyeok, l’ucraino Andriy Protsenko bronzo di Eugene, lo statunitense JuVaughn Harrison.

LANCI: KOVACS-WALSH CON I PESISTI AZZURRI, ALLMAN NEL DISCO
Quanta potenza nel peso. Due medaglie degli ultimi Mondiali (gli statunitensi Joe Kovacs e Josh Awotunde, argento e bronzo), il plurimedagliato neozelandese Tom Walsh, il brasiliano Darlan Romani, gli italiani Zane Weir e Leonardo Fabbri sostenuti dai fan locali. Parterre eccellente anche nel disco con l’oro olimpico Valarie Allman (Usa), la cinese oro mondiale Feng Bin, la due volte campionessa olimpica Sandra Perkovic (Croazia).

GLI ITALIANI ALLA SFIDA MONDIALE
Oltre ai già citati Jacobs e Ceccarelli (100), Tortu e Desalu (200), Iapichino (lungo), Diaz (triplo), Weir e Fabbri (peso), il Golden Gala Pietro Mennea è l’occasione per tanti atleti italiani di confrontarsi ai massimi livelli a meno di tre mesi dai Mondiali di Budapest. Al via anche Zaynab Dosso nei 100, Alice Mangione nei 400, Ludovica Cavalli e Sintayehu Vissa nei 1500, il ventenne Lorenzo Simonelli nei 110hs, il triplista Emmanuel Ihemeje quinto ai Mondiali, le astiste Roberta Bruni ed Elisa Molinarolo, la discobola Daisy Osakue.

BIGLIETTI IN VENDITA SU TICKETONE
Sono in vendita i biglietti per assistere alla 43esima edizione del Golden Gala Pietro Mennea, in programma allo stadio Ridolfi venerdì 2 giugno. I tagliandi potranno essere acquistati online sulla piattaforma TicketOne e in tutte le ricevitorie abilitate.

IL PROGRAMMA: 15 GARE, SETTE MASCHILI, OTTO FEMMINILI
Il principale meeting italiano torna a Firenze a distanza di due anni dall’edizione del 2021 e sarà l’occasione per apprezzare le star dell’atletica mondiale e tanti campioni azzurri che ci hanno emozionato alle Olimpiadi di Tokyo e negli altri eventi internazionali degli ultimi anni. Nel programma dell’evento sono previste sette gare maschili (100, 200, 5000, 110hs, alto, triplo, peso) e otto gare femminili (100, 400, 1500, 3000 siepi, 400hs, asta, lungo, disco).

Il Golden Gala sarà trasmesso in diretta televisiva su Rai Tre il 2 giugno a partire dalle ore 20.


Per ulteriori informazioni: www.goldengala.it


(fonte: Ufficio Stampa del Comune di Firenze)