Home > Webzine > Cinema > Yayoi Kusama e il fotografo Cecil Beaton protagonisti a Lo Schermo dell’Arte
mercoledì 20 marzo 2019

Yayoi Kusama e il fotografo Cecil Beaton protagonisti a Lo Schermo dell’Arte

16-11-2018
Dall’omaggio alla tormentata storia personale e professionale della celebre artista giapponese Yayoi Kusama, che ha conquistato il mondo con i suoi pois, all’inedito ritratto del fotografo e costumista britannico Premio Oscar Cecil Beaton. Sono queste le storie raccontate nei due documentari biografici a regia femminile che Wanted Cinema con Feltrinelli Real Cinema presenterà in anteprima Italiana all’11/ma edizione de Lo Schermo dell’arte Film Festival (13/18 novembre, Firenze).

In programma venerdì 16 novembre, alle ore 21.00, presso il cinema La Compagnia di Firenze, Kusama: Infinity di Heather Lenz (USA, 2018), un omaggio dedicato alla novantenne artista giapponese Yayoi Kusama, una delle figure più celebri della scena contemporanea mondiale, che dal 1977 vive per sua scelta nell’ospedale psichiatrico Seiwa - fin da piccola soffre di allucinazioni, manie ossessive-compulsive e depressione - ma dipinge quasi quotidianamente nel suo studio a Shinjuku a Tokyo. Il documentario si sviluppa tra le interviste agli amici, ai collaboratori, agli studiosi e colleghi del mondo dell’arte, e contiene numerosi estratti dal suo diario e dalle sue lettere, comprese quelle che da giovanissima inviò alla grande artista americana Georgia O’Keeffe.

Sarà presentato invece domenica 18 novembre, sempre al cinema La Compagnia, ore 21.00, Love, Cecil di Lisa Immordino Vreeland (USA, 2017), Il fotografo, scrittore, vincitore di Oscar Cecil Beaton ha da sempre incarnato i più significativi cambiamenti culturali e politici del XX secolo. La regista di Peggy Guggenheim: Art Addict ha messo insieme preziosi materiali d’archivio e fotografie per realizzare il ritratto sincero di una personalità complessa e un talento unico. La sua lunga carriera viene ripercorsa da interviste, filmati d'archivio e contributi dei suoi collaboratori. Una vita che attraverso il suo lavoro ha saputo raccontare dalla Seconda Guerra Mondiale, alla quotidianità della Regina Elisabetta, incarnando gli scismi politici e culturali del secolo scorso. alla presenza della regista,

Per maggiori informazioni: www.schermodellarte.org - www.wantedcinema.eu