Home > Webzine > Cinema > Festival Internazionale di Cinema e Donne: proiezioni e masterclass alla Compagnia
mercoledì 20 marzo 2019

Festival Internazionale di Cinema e Donne: proiezioni e masterclass alla Compagnia

24-11-2018
Sabato 24 novembre prosegue al Cinema La Compagnia il Festival Internazionale di Cinema e Donne con proiezioni pomeridiane, due corti e due lungometraggi. La rassegna parte alle ore 15.00 con i cortometraggi "Polvere di stelle" di Renata Berti, documentario sulle statue in pietra di Custoza della Valle di Padova; a seguire "7 Maiden's Theatre" di Kirsten Gaynet, ambientato in Russia nel 1941. Si continua con "Tempo comum (Ordinary Time)" di Susana Nobre, alla presenza della regista, una delle più interessanti del nuovo cinema portoghese che ci regala un delicato ma veritiero racconto di cosa accade quando in una giovane famiglia arriva una bambina.

Alle ore 17.00 "Il mare della nostra storia" di Giovanna Gagliardo. L'autrice plasma una materia difficile e racconta uno dei nodi meno risolti della nostra storia: il rapporto coloniale e postcoloniale con la Libia. Alle ore 19.00 è prevista la conferenza spettacolo di Emanuela Piovano, una masterclass dal titolo "Kitchenfilm, Ricette per un Cinema a lunga conservazione, 1988/2018". Regista, documentarista, animatrice di gruppi, collettivi, eventi racconta i film che ha realizzato e l'esperienza della sua casa di produzione e distribuzione tra Torino, Parigi e Roma.

Alle ore 21.00 il festival prosegue con la consegna del Premio Sigillo della Pace del Comune di Firenze a Léa Pool, la più importante regista canadese, da parte dell'assessore alle Pari Opportunità Sara Funaro. A seguire viene proiettato il suo film "Et au pire, on se mariera": l'autrice ancora una volta affronta il tema, a lei caro, dell'adolescenza e dei suoi misteriosi percorsi.

Chiude le serata "The art of loving" di Maria Sadowska, con la presenza della regista, una pellicola che ha riscosso grande successo di pubblico all'uscita in Polonia, un tributo per la sessuologa Michalina Wislocka, l'autrice del manuale di "sesso felice" che, censuratissimo e circolante per anni in copie ciclostilate, si dice abbia cambiato la vita sessuale dei polacchi. 

Per ulteriori informazioni: www.cinemalacompagnia.it 

RC