Home > Webzine > Cinema > 40 anni dalla legge Basaglia: "La pecora nera" di Celestini alle Vie Nuove
lunedì 17 giugno 2019

40 anni dalla legge Basaglia: "La pecora nera" di Celestini alle Vie Nuove

28-11-2018
Uno spaccato della condizione di vita dei malati mentali in Italia, a partire dai "favolosi" anni sessanta, fino a giungere ai giorni nostri, nei quali il mondo interno dell’Istituto nel quale vive Nicola non è poi così diverso da quello all’esterno. Nicola è il protagonista di "La pecora nera" di e con Ascanio Celestini, che per 35 anni ha vissuto in manicomio a contatto con coloro che lui preferisce chiamare "santi" invece che matti. La pellicola ripercorre la sua storia e sarà l'ultima delle tre proiezioni in programma mercoledì 28 Novembre, alle ore 21.00, al Circolo "Vie Nuove" (viale D. Giannotti, 13 - Firenze) per il ciclo promosso in collaborazione con il Circolo "Teatro L'Affratellamento". L'evento si svolge in occasione del quarantennale della Legge 180, più comunemente nota come Legge Basaglia e alla proiezione seguiranno gli interventi di Rolando Paterniti, specialista in psichiatria dell’Azienda ospedaliero-universitaria Careggi e di Gianna Bandini, in rappresentanza di Associazione Anémic.

Prossimi appuntamenti
Mercoledì 5 Dicembre, alle ore 17.00, in occasione della Giornata Nazionale della Salute Mentale, tavola rotonda "Le esperienze terapeutiche, le azioni teatrali, le politiche". Dalle esperienze triestine di "Marco Cavallo" ai giorni nostri. In viaggio da oltre 40 anni, passando attraverso la Legge 180.
Intervengono all'incontro coordinato da Luigi Mannelli, Presidente della Società Ricreativa l’Affratellamento di Ricorboli:
Daniele Bacci, Presidente Associazione "Venti Lucenti – Teatro e Comunicazione";
Maurizio Ferrara, Centro di Salute Mentale e già docente di Psichiatria per l’Università di Firenze;
Galileo Guidi, deputato del Parlamento e responsabile del coordinamento regionale toscano delle associazioni dei familiari per la salute mentale;
Giuliano Scabia, drammaturgo, poeta e scrittore. Già collaboratore di Franco Basaglia.

Fino al 6 Dicembre, mostra fotografica "San Salvi: anni 1972 – 1976" di Giovanni Fanetti
"In questi volti assorti non vi è traccia di follia, ma nei loro silenzi si fa spazio rumorosa la richiesta di attenzione. La stessa umana necessità di tutti". (G. Fanetti)

Ingresso gratuito.

Per maggiori informazioni: vienuove@vienuove.it - info@affratellamento.it

LG