Home > Webzine > Cinema > Il Festival del Film Etnomusicale: terza giornata tra culture e musiche del mondo
giovedì 21 novembre 2019

Il Festival del Film Etnomusicale: terza giornata tra culture e musiche del mondo

27-09-2019
VenerdÌ 27 settembre 2019 per il Festival del Film Etnomusicale "Immagini e Suoni del Mondo" al Cinema Spazio Uno (Via del Sole 10), nella terza giornata dalle 17.00 alle 21.00 presenta la produzione documentaristica su culture e musiche del mondo.

Programma
Alle ore 17.00, "Indus blues. The Forgotten Music of Pakistan" di Jawad Sharif. Documentario in prima visione italiana. In Pakistan, un paese scosso da disordini politici, sfide economiche e crisi d’identità sociale, i musicisti e gli artigiani costruttori di strumenti trovano difficile sopravvivere e sostenere la loro arte. Devono anche fare i conti con il fatto che essere un musicista è un tabù in una società ancorata ai valori tradizionali. Indus Blues è offre una visione differente perché non solo mette in mostra le performance uniche di straordinari musicisti che raramente hanno avuto la possibilità di farsi sentire fuori dai confini nazionali, ma porta anche il pubblico in un viaggio attraverso i paesaggi mozzafiato del Pakistan dalle montagne del Karakorum settentrionale alla costa meridionale.
Durata di 76 minuti - Prodotto in Pakistan nel 2018
In urdu, sottotitolato in italiano


Alle ore 18.30 con il film "Papa heidi - the man behind the microphone" di Claire Belhassine. Documentario in prima visione italiana. Hedi Jouini è la stella musicale più popolare nella storia tunisina, conosciuto come il "Frank Sinatra della Tunisia". Le sue canzoni continuano a ispirare riformatori e conservatori allo stesso modo, colpendo il cuore degli sconvolgimenti sociali e politici post-coloniali della Tunisia e della sua continua ricerca di identità sulla scia della primavera araba. Ma perché ha tenuto nascosta la sua fama alla sua famiglia? Quali segreti oscuri teneva nascosti alla nazione che lo adora? L’uomo dietro il microfono svela l’incredibile storia di un uomo e della sua carriera musicale e offre una visione affascinante dell’evoluzione culturale della Tunisia.
Durata di 96 minuti - Prodotto in Tunisia nel 2017
In inglese,sottotitolato in italiano


Alle ore 21.00, verrà proiettata la pellicola "Piazzolla: the Years of the Shark", documentario di Daniel Rosenfeld. Il suonatore di bandoneon e compositore argentino Astor Piazzolla (1921-1992) rivoluzionò il tango. Il suo tango nuevo, con le sue influenze jazz e classiche, lo ha reso una figura controversa nel suo paese, poiché la sua rivoluzione si è scontrata con la tradizione. Per questo documentario il figlio di Piazzolla, Daniel, ha aperto la sua collezione privata. Esibizioni live e film familiari si combinano con il materiale d’archivio per dipingere un vivido ritratto di Piazzolla: sicuro di sé, ostinato, appassionato e un vero virtuoso. Il commento di Daniel rivela una relazione complicata con il padre. Le registrazioni di ore di conversazioni tra Piazzolla e sua figlia Diana forniscono una rara visione della mente di un genio musicale.
Durata di 85 minuti - Prodotto in Argentina nel 2017
In spagnolo, sottotitolato in italiano

Organizzato dall’associazione Multi Culti in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana
Biglietti: € 7 intero e € 5 ridotto (studenti universitari). Abbonamento giornaliero (proiezioni pomeridiane + serali): € 10


Per ulteriori informazioni: www.multiculti.it 

VSC