Home > Webzine > Cinema > "Easy Rider", il film di Dennis Hopper in versione restaurata al Cinema Odeon Firenze
venerdì 22 novembre 2019

"Easy Rider", il film di Dennis Hopper in versione restaurata al Cinema Odeon Firenze

03-09-2019
Martedì 3 Settembre, alle ore 21.00, il film "Easy Rider" di Dennis Hopper con Peter Fonda e Jack Nicholson arriva, in versione restaurata originale con sottotitoli in italiano a 50 anni di distanza dalla sua uscita nelle sale, al Cinema Odeon Firenze (Piazza Strozzi).

Un Cult della controcultura americana degli anni Sessanta e dell’intero cinema della New Hollywood. Due giovani ribelli decidono di intraprendere un viaggio in motocicletta attraverso gli USA, ma la loro ricerca della libertà è destinata a scontrarsi con i pregiudizi e con l’intolleranza della società americana.

Road movie sceneggiato dai due interpreti principali, Peter Fonda e Dennis Hopper, e diretto da quest’ultimo, Easy Rider è un racconto sulla libertà, un viaggio che ha per meta il Carnevale di New Orleans, la festa della città sul grande Delta. E stavolta è necessario un racconto amarissimo e crudele, che alla fine indigna senza parole, per denunciare lo squallore e la paura della provincia bianca e borghese del sud nel 1969. Una paura che si manifesta rozzamente nei confronti di qualsiasi minima e pericolosa traccia di diversità. Se a questo aggiungiamo l’evidenza di un grande cinema, in cui i paesaggi che cambiano, gli interpreti e la musica sembrano danzare all’unisono una ballata disperata senza scampo, allora, forse, diventa facile per lo spettatore riconoscere la presenza di una visione unica e irrepetibile nell’immaginario cinematografico. E nella quale la mano dell’autore, (con quegli scatti di montaggio che anticipano spesso le inquadrature successive) si rivela in tutta al sua destabilizzante natura. E quando il desiderio di libertà si cristallizza in fuga e assume sembianze allucinatorie e lesionanti, come nella sequenza dell’acido, le voci e le immagini si fondono, delirano, e trascinano chi guarda lentamente alla deriva.

Per maggiori informazioni: www.odeonfirenze.com 

AC