Home > Webzine > Cinema > "Reflection", il film sulla guerra nel Donbass in anteprima allo Spazio Alfieri di Firenze
lunedì 27 giugno 2022

"Reflection", il film sulla guerra nel Donbass in anteprima allo Spazio Alfieri di Firenze

12-03-2022
Sabato 12 marzo 2022, alle ore 19.00, il film "Reflection" sulla guerra nel Donbass presentato in concorso alla Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia arriva in anteprima allo Spazio Alfieri di Firenze, in via dell'Ulivo 8, per sostenere il popolo Ucraino.

Fino alla scorsa settimana, le persone consapevoli di una guerra in corso da 8 anni in Europa erano ben poche, ma il conflitto che coinvolgeva il Donbass era lì, vivido, pronto ad aspettare il momento favorevole per allargarsi. Portare ora nelle sale il film dell'ucraino Valentyn Vasyanovych Reflection, è il modo dello Spazio Alfieri per sostenere il popolo ucraino, con il patrocinio del Comune di Firenze, per dare voce a chi ha testimoniato la difficile vita in alcune zone della propria nazione e che ora sta combattendo in prima persona per difendere il proprio Paese. Introduce la proiezione Riccardo Sottili regista teatrale, autore del documentario dal titolo Russia-Italia il fronte della memoria, che raccoglie una serie di testimonianze di storici e veterani sulla ritirata italiana dalla Russia nella seconda guerra mondiale.

Guardare Reflection oggi è un’esperienza che ha per molti versi dell’incredibile. Partito volontario per la guerra nel Donbass, il chirurgo di Kiev Serhiy finisce per errore nelle mani delle forze militari russe e viene fatto prigioniero. Tenuto in vita per le sue competenze mediche, l’uomo assiste impotente a scene di tortura e violenza inaudita, aiutando i suoi carcerieri a smaltire i cadaveri degli altri prigionieri torturati. Fra questi anche Andriy, nuovo compagno dell’ex moglie, molto amato anche da sua figlia, ragazzina innocente e ingenua.

Il film, in sala dal 17 marzo 2022, è stato presentato in concorso all’ultima Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, dove ha suscitato non poche polemiche per la forza e la brutalità delle sue immagini. A vederlo ora, sembra che sia stato girato ieri, in una delle città ucraine assediate dai russi. Si tratta di un film che non fa sconti, non nasconde nulla di quanto succede(va), eppure non possiamo più permetterci di far finta che non ci riguardi.

Per maggiori informazioni: www.spazioalfieri.it