Home > Webzine > Cinema > Apriti Cinema: "Sacrificio" di Andrej Tarkovskij al Piazzale degli Uffizi di Firenze
lunedì 15 agosto 2022

Apriti Cinema: "Sacrificio" di Andrej Tarkovskij al Piazzale degli Uffizi di Firenze

07-08-2022

Domenica 7 agosto 2022, alle ore 21.45, l'arena estiva gratuita di Apriti Cinema al Piazzale degli Uffizi di Firenze propone il film "Sacrificio" di Andrej Tarkovskij, in versione originale russa con sottotitoli in italiano, in collaborazione con l’Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij e CSC – Cineteca Nazionale, in omaggio al grande regista russo, cittadino onorario di Firenze, nel novantesimo anniversario dalla nascita.

Il vecchio intellettuale Alexander festeggia il suo compleanno insieme ai familiari, mentre la televisione parla dell’imminenza di una guerra atomica totale. Per scongiurare la catastrofe, Alexander invoca Dio offrendogli tutti i suoi beni pur di salvare i suoi cari. Ultimo lavoro di Tarkovskij, girato in Svezia nel 1986 e vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al 39° Festival di Cannes, "Sacrificio" dialoga con il cinema di Bergman innestandolo nel sogno e nell’apocalisse. Un film di Fede e redenzione, di tradizioni occulte e intimi stravolgimenti, di minacce nucleari e riferimenti pittorici, di monologhi teatrali e articolati piani sequenza che riempiono il tempo e lo spazio.

Regista leggendario, capace di lasciare con pochi titoli un segno indelebile nell’immaginario del pubblico, Andrej Tarkovskij è stato forse l’autore che con maggiore coerenza ha saputo trasformare il cinema in mezzo di esplorazione interiore, di ricerca dell’assoluto. Impresa che appare ancora più incredibile se si considera il contesto in cui è stata realizzata, quello dell’ostracismo del regime sovietico che lo spinse infine a un esilio doloroso. Le parole di Ingmar Bergman: «Quando scoprii i primi film di Tarkovskij […] fu per me un miracolo. Di colpo mi trovavo davanti alla porta d’una stanza, di cui fino ad allora mi mancava la chiave. Una stanza in cui da sempre volevo entrare, e in cui lui si muoveva a suo agio. Mi sentii incoraggiato, stimolato: qualcuno esprimeva ciò che avevo sempre voluto dire, senza sapere come. Se Tarkovskij è per me il più grande, è perché egli reca al cinema – nella sua specificità – un nuovo linguaggio che gli consente di catturare la vita come apparenza, la vita come sogno».

L’accesso è ad ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

La rassegna Apriti Cinema è organizzata dall’associazione Quelli dell’Alfieri, con la programmazione a cura del Cinema la Compagnia – Fondazione Sistema Toscana, in collaborazione e con il sostegno delle Gallerie degli Uffizi ed è inserita nel cartellone dell’Estate Fiorentina del Comune di Firenze.

Per maggiori informazioni: www.cinemalacompagnia.it