Home > Webzine > Giovani Reporter > Fare impresa: i bandi proposti da Giovanisì
lunedì 20 maggio 2019

Fare impresa: i bandi proposti da Giovanisì

30-11-2015

Quali bandi sono attivi per il sostegno e la creazione di impresa? Come si partecipa? Giovedì 26 novembre Palazzo Giovane ha ospitato "Fare impresa", il focus tematico di Giovanisì. Durante l'incontro Francesco Dei, referente di Giovanisì, ha illustrato gli strumenti normativi ed i bandi che promuovono la nascita di startup giovanili e femminili, attraverso la concessione di spazi e immobili, voucher e microcredito per il loro avviamento e consolidamento.

La Regione Toscana, grazie ai nuovi bandi POR Creo Fesr 2014-2020, finanzia con oltre 21 milioni di euro le start up di ultima generazione e le giovani imprese, che vogliono diventare più forti e innovative. Recentemente sono state aperte due linee di intervento indirizzate sia al sostegno all'avvio di micro e piccole iniziative imprenditoriali sia al consolidamento di piccole aziende costituite da più di due anni e da non oltre cinque anni. Il soggetto gestore, individuato dalla regione con decreto n.5725 del 20/12/2013, è il raggruppamento Temporaneo di Imprese “Toscana Muove” costituito tra Fidi Toscana S.p.a, Artigiancredito Toscano s.c. e Artgiancasa S.p.a.

I bandi proposti, dedicati ai giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni, riguardano: il settore manifatturiero; il settore commercio, turismo e attività terziarie; le imprese innovative.

La Regione sostiene l'avvio di iniziative attraverso un pacchetto di agevolazioni, che possono essere richieste da:
- piccole imprese giovanili, la cui costituzione è avvenuta nel corso di due anni precedenti la data di presentazione della domanda di accesso all'agevolazione;
- persone fisiche, che costituiscono l'impresa entro sei mesi dalla data di notifica del provvedimento di concessione sempre che non abbiano al momento della costituzione dell'attività un'età superiore a 40 anni.

Per quanto riguarda le società e le cooperative, l'età dei rappresentanti legali e di almeno il 50% dei soci, che detengono almeno il 51% del capitale sociale della società, non deve essere lo stesso superiore a 40 anni.

Le agevolazioni
- Microcredito: finanziamento agevolato a costo zero, non supportato da garanzie personali e patrimoniali ( minimo 6.400 euro- massimo 28 mila euro).
- Voucher: contributo in conto capitale nella misura del 100% della spesa ammessa per l'acquisizione di servizi di consulenza e supporto all'innovazione, utili alla creazione e allo svolgimento dell'attività d'impresa.
- Garanzia: gratuita e rilasciata per un importo massimo garantito non superiore all'80% dell'importo di ciascun finanziamento.

E' possibile richiedere sia il microcredito sia il voucher con un finanziamento del 60% del  totale.
I costi ammissibili sono le spese per investimenti materiali, quali terreni, immobili, impianti, macchinari, attrazzature; ed immateriali che consistono in spese di costituzione, diritti di brevetti, licenze, kowhow o altre forme di proprietà intellettuale.

Il regolamento e la richiesta di finanziamento si trovano nel sito www.toscanamuove.it
Per ulteriori informazioni: firenze.provincia@giovanisi.itfirenze@giovanisi.itwww.giovanisi.it

di Giulia Bongiovanni