Home > Webzine > Giovani Reporter > ''Boom! Tra moda e luce'': gli anni '60 reinterpretati da IED Firenze e Illum
giovedì 24 gennaio 2019

''Boom! Tra moda e luce'': gli anni '60 reinterpretati da IED Firenze e Illum

18-01-2016
La collaborazione tra Illum (Via Francesco Baracca, 3a) e la sede fiorentina di IED (Istituto Europeo di Design, Via Maurizio Bufalini 6r) è recente, ma sta dando ottimi frutti.
"Boom! Tra moda e luce" (11-20 Gennaio), mostra inaugurata in concomitanza con Pitti Uomo 89, rappresenta questa unione di intenti, sostenuta soprattutto a favore degli studenti dei corsi di moda e design dello IED, che si devono affacciare al mondo del lavoro forti di una preparazione completa su tutti gli aspetti.

"Come suggerisce il nome, ci siamo basati a livello concettuale sul 'boom' economico che ha caratterizzato gli anni'60 in Italia" - spiega Luca Parenti, coordinatore del corso di specializzazione in Fashion Design and Styling di IED Firenze - "con l'intenzione di portare la mostra a Pitti Uomo 89 con abiti vintage, ma al tempo stesso moderni nei materiali utilizzati, creati dai nostri studenti, abbinati a tipologie di lamapade ispirate a quel periodo storico. Abbiamo organizzato sempre per Pitti altri appuntamenti (tra questi, 'Save The Duck' e il workshop con 'The Bridge'), in quanto vogliamo che i nostri ragazzi entrino subito a contatto col mondo della moda e con le medie imprese, toscane e non, una volta terminati i corsi".

Elisa Sedoni, stylist del servizio fotografico della mostra, espone il progetto alla base: "La parte più difficile è stata dare un tocco avanguardista agli abiti, richiamando aspetti cinematografici e sociologico-storici più legati ai successivi anni'70, in modo tale da non stereotipizzare il periodo storico trattato ed offrirne un ritratto diverso e più fedele. Se manca la curiosità, il bisogno continuo di riscoprire il mondo intorno a te, presente o passato che sia, allora manca tutto!"

Antonio Russo, proprietario di Illum, descrive così la collaborazione con IED Firenze: "Noi abbiamo sempre avuto come obiettivo primario la divulgazione della 'cultura della luce' tramite la tecnologia e il design più avanzato, e lo stesso dare 'forma' ad un emozione, con lampade e vestiti abbinati tra di loro, ci permette di portare avanti questo nostro ideale."

Per ulteriori informazioni: www.ied.it/blog/boom-tra-moda-e-luce/27294  - www.illum.it 

Filippo Ricciarelli