Home > Webzine > Arte > ''All Over'', la mostra delle opere di Cannavacciuolo in luoghi insoliti di Firenze
lunedì 19 novembre 2018

''All Over'', la mostra delle opere di Cannavacciuolo in luoghi insoliti di Firenze

17-01-2018

Luoghi pubblici, istituzionali e privati, come il reparto di Ortopedia Oncologica di Careggi, il Liceo Artistico di Porta Romana, la BiblioteCaNova Isolotto, l’ufficio dell’Assessore al bilancio a Palazzo Vecchio, lo  studio di un  Avvocato, lo studio di uno Psicanalista, un negozio antiquario, la casa di un collezionista e l’abitazione della stessa curatrice. Queste ed altre le sedi del percorso espositivo "All Over", la mostra dell'artista napoletano Maurizio Cannavacciuolo si sviluppa in maniera diffusa e pervasiva per la città di Firenze, fino a domenica 8 Aprile.

Come suggerisce il titolo desunto dall’arte e dalla critica americana degli anni ’50, l'esposizione, a cura di Rubina Romanelli e patrocinata dal comune di Firenze, si articola in luoghi espositivi eterogenei e non generalmente dediti all’arte, occupando quindi sedi di diversa natura e in cui arte e artista si mettono in dialogo con essi, con chi li occupa e con il pubblico che li frequenta. L’arte si mescola alla vita attraverso una contaminazione reciproca dove si riscoprono dunque i legami tra arte contemporanea e i centri di formazione artistica, artigianale e le istituzioni pubbliche e sociali. L’arte ritrova una dimensione pubblica e di apertura.

Il progetto si è sviluppato in uno scambio tra artista, luoghi e persone che vi lavorano e che li vivono. In ogni sede, si possono trovare una o al massimo due opere, così che il pubblico possa fruirne pienamente. Un rapporto, quello tra opera e spettatore che diventa quindi biunivoco, alla pari, dove è possibile dedicare il giusto tempo e le giuste energie ad ogni singolo lavoro. La curiosità, nata dall’aver ricercato l’opera in un percorso attraverso la città, contribuisce all’instaurazione di questo rapporto, alla fruizione dell’opera e alla scoperta dei luoghi, ricchi anch’essi di contenuti. Il titolo All Over gioca anche sulla sua ambiguità di significato, in quanto significa sia “ovunque”, “dappertutto”, che “tutto finito”, come a indicare un cambiamento di rotta, una rottura col passato.

La mostra è il primo progetto di "Benci Art" nato da un’idea di Sergio Risaliti, Rubina Romanelli e Lorenzo Segre che nel suo Benci House (Via dei Benci, 15), piccolo luxury guest house, ha deciso di legarsi al mondo dell'arte e di offrire al suo pubblico internazionale uno spaccato sull'arte contemporanea, soprattutto Italiana.

Info: http://bencihouse.it/