Home > Webzine > Arte > "XII Florence Biennale", mostra internazionale di arte contemporanea alla Fortezza da Basso
venerdì 15 novembre 2019

"XII Florence Biennale", mostra internazionale di arte contemporanea alla Fortezza da Basso

18-10-2019

Ars et Ingenium. Similitudine e Invenzione celebrando Leonardo da Vinci” è il tema della XII Florence Biennale, la mostra internazionale di arte contemporanea in programma dal 18 al 27 ottobre 2019 alla Fortezza da Basso. Questa edizione propone una riflessione sull’approccio conoscitivo e creativo del Maestro del Rinascimento universalmente, considerato genio di ogni tempo, che fu artista e “scienziato” capace di spaziare attraverso diverse discipline. 

A Firenze 484 artisti ospiti da 74 paesi e quattro continenti. Tra loro ben 44 ritornano forti di altre esperienze, premi o riconoscimenti ricevuti sulla scena artistica contemporanea internazionale.
Volendo menzionare coloro che presentano lavori a tema, iniziando da Wessel Huisman, “pittore della luce” dall’Olanda, che reinterpreta l’Ultima Cena; dalla Svizzera Theo Lenartz, vincitore nella categoria Installazione nel 2015, espone un omaggio a Leonardo, Encounter of Shape and Colour così come Ilse Fourie, che dal Sudafrica ci stupisce con Leonardo’s Lunar Conversations. Feromontana, “creatore d’arte della quarta dimensione”, torna con un progetto ispirato a Monna Lisa.

Non è l’unico: mai come in questa edizione il tema proposto ha riscosso successo fra gli artisti selezionati a partecipare in concorso. Per ovvie ragioni di brevità non possiamo menzionare tutti, ma vanno ricordati alcuni fra coloro che da diversi Paesi sono in Fortezza con opere ispirate a Leonardo: dalla Romania lo scultore Florin Codre la sua monumentale Battaglia di Anghiari; Paco Marquez (Messico), con una esilarante Monna Lisa su ‘due arazzi in uno’ da guardare in prospettiva dinamica; Gabriel Lavoie (Canada); Vita Lukstina (Lettonia) con i bambini al tavolo dell’Ultima cena, a cui fa eco il video di denuncia Four Stanza: Stop’s di Diane McLeod alias Feather Woman (Canada);Patrizia Pacini Laurenti e Morena Beltrami, Solange Keschmann (Svizzera); Nahum Nuila e Dora Martinez (El Salvador), per fare solo qualche esempio.

Particolarmente interessanti sotto il profilo tecnico-materiale sono le Gocce d’acqua in porcellana di Piela Auvinen (Finlandia), i suggestivi disegni monocromi su teflon di Irene Aguirre Arista (Messico), quelli a pennarello e acrilico su tela di Eileen Chan (Cina, Hong Kong) e quelli a inchiostro su specchio di Elia Fabbri – in dialogo con le pitture su argento di Ganga Duleep (USA). Usa invece grafite e medicine su carta Soo Jin Chung (Corea del sud), premiata quest’anno all’Art Olimpia in Giappone. Il verre églomisé di Mercedes Murat (Svezia) si confronta con lavori in cui il vetro combinato ad altri materiali da Eric Beaulieu (Francia), Igor Josifov (MK) e Maria Antonia Fedon. Accendono l’immaginazione i LED nelle opere di Markita Manolopoulou (Grecia), Hu Songyan (Cina) e Pier Giovanni Panfietti e così pure gli ologrammi di Olga Tobreluts (Russia). Gli arazzi di De Cluuz (Francia), tessuti con filati metallici e fibre ottiche per restituire una visione changeant di famosi ritratti di signore del passato.

Muta lo spazio nel video Space Changer di Walter Gaudnek (USA), ottantottenne pluripremiato professore e “artista ribelle”, e così pure in quelli di Eunye Shin (Corea del sud) e Richard Rownak (USA). A suggerire una percezione dinamica dello spazio e del tempo è Hans R.L. Schlegel, ‘orologiaio’ svizzero autore di un Pendolo intrigante, ma anche Sangeeta Abhay (India), la taiwanese Pey Chwen Lin, che dalla proiezione rotazionale dell’Uomo vitruviano di Leonardo crea il clone di Eva, e altri ancora. A scandagliare ogni possibile cristallizzazione è però Us; di Rey Zorro, fondatrice e direttore creativo di Liquid Sky D_sign aka LSD NYC nonché ideatrice della “Dis-installation Art”.

Infine, a condurci nel mondo della Performance Art sono Domitilla Biondi, Eldarin Yeong (UK) e gloATL con la coreografia di Laurie Stallings (USA).

 La XII Florence Biennale presenta una nuova sezione dedicata al mondo del design a cura di Gabriele Goretti. Il padiglione sviluppa differenti prospettive e si focalizza sui diversi fattori che strutturano la cultura del progetto in particolare nel settore arredo e accessorio moda.

Naturalmente entrambe le esposizioni hanno spazi dedicati alle personalità a cui è assegnato il premio alla carriera. Il 21 settembre 2018, il “Premio Lorenzo il Magnifico” alla carriera per le arti visive performative è stato consegnato a Franco Zeffirelli, grande Maestro fiorentino recentemente scomparso e si terrà dunque una cerimonia in suo onore e memoria attesa dal figlio Pippo Zeffirelli. Riceverà il Premio alla carriera per la scultura il messicano Gustavo Aceves mentre il Premio per la Installation & New Media Art va all’artista turco Refik Anadol. Nell’ambito del design il Premio “Leonardo da Vinci” andrà a Wanda e Salvatore Ferragamo (in memoriam) per il design nella moda, a Elsa Peretti disegnatrice di gioielli di Tiffany & Co. e a Paula Scher communication e graphic designer dello studio Pentagram di New York.

È annunciata la consegna anche di vari premi speciali tra i quali i “Premi del Presidente” alla carriera all’artista americano Anthony Howe, famoso per le sue sculture cinetiche, al macedone Mice Jankulovski, per il contributo all’arte e alla cultura, e al pittore cinese Han Yuchen, per aver rappresentato coniugato la tradizione artistica cinese con la pittura ad olio di tradizione europea.

Per maggiori informazioni: www.florencebiennale.org