Home > Webzine > Arte > New York University Florence: "Open Week" con visite guidate gratuite a Villa La Pietra
martedì 10 dicembre 2019

New York University Florence: "Open Week" con visite guidate gratuite a Villa La Pietra

07-10-2019
Da lunedì 7 a sabato 12 ottobre 2019, nella sede della New York University Florence a Villa La Pietra (via Bolognese, 120) è "Open Week". L'iniziativa giunta alla XXXIII edizione ha in programma visite guidate gratuite (in italiano o in inglese) su prenotazione e tour che includono un'introduzione alla collezione d'arte della famiglia Acton, alla storia della villa e al Giardino formale all'italiana, realizzato all'inizio del ventesimo secolo in stile Rinascimentale.

Per questa nuova stagione, è possibile vedere riallestito nella sala da ballo il grande arazzo francese di Aubusson, "Il Palazzo di Circe" (tema narrato nel libro XIV delle Metamorfosi di Ovidio), su cartone di Jean Baptiste Oudry, nel 1760 circa. L'arazzo è stato oggetto di restauro per dieci anni a cura di Costanza Perrone Da Zara e Claudia Beyer ed è stato presentato a settembre in un seminario internazionale.

La villa, schermata da un imponente cancello in ferro incorniciato da statue e grandi vasi, si raggiunge percorrendo un lungo viale di cipressi. Acquistata ed in parte trasformata dal banchiere Francesco Sassetti nel 1460, la proprietà passò ai Capponi nel 1546. Il cardinale Luigi Capponi, avvalendosi dell'opera di Carlo Fontana, trasformò la villa nella sua forma attuale. Nel periodo di Firenze Capitale del Regno d'Italia la villa fu sede dell'Ambasciata di Prussia. All'inizio del XX secolo la proprietà fu comprata da Arthur e Hortence Acton, i quali dal 1904, avvalendosi della collaborazione del loro giardiniere polacco, iniziarono i lavori di sistemazione del giardino. L'unica parte che rimase inalterata fu quella corrispondente all'antico giardino dei limoni racchiuso da mura, posto sul lato sinistro della facciata. L'intento di Acton era quello di riproporre un'impianto classico "all'italiana" impostato su tre terrazze digradanti. L'apparente semplicità di questo impianto in realtà è arricchita e articolata dalle ricorrenti visuali aperte sulla campagna circostante e dagli elementi architettonici e decorativi utilizzati a corredo delle "stanze di verzura" poste nel sistema a terrazze . Molte delle statue acquistate da Arthur Acton per arredare il giardino, opere di Orazio Marinali e dei Bonazza, provengono dalle ville venete del Brenta. Ereditata dal figlio Harold Acton, alla sua morte, lasciò la villa alla New York University.

Per maggiori informazioni: www.lapietra.nyu.edu 

VSA