Home > Webzine > Arte > "Terra Mater. Notte a Occidente", la mostra di Pino Bertelli a Le Murate PAC
sabato 14 dicembre 2019

"Terra Mater. Notte a Occidente", la mostra di Pino Bertelli a Le Murate PAC

09-10-2019

Mercoledì 9 ottobre, alle ore 19, Le Murate. Progetti Arte Contemporanea inaugura la mostra di Pino Bertelli, Terra Mater. Notte a Occidente. L’iniziativa è organizzata dall’associazione Il Gomitolo Perduto in collaborazione con Azione Sperimentale e Le Murate. Progetti Arte Contemporanea e con il patrocinio della Città Metropolitana di Firenze.

Aperta al pubblico fino al 23 ottobre, la mostra raccoglie sessanta scatti, dal 2003 al 2014, dalla guerra in Iraq al golpe in Burkina Faso. Occhi, labbra, indumenti, sorrisi, panorami bellici, ombre e sfondi scoprono il volto di un’umanità che sembra riporre nella macchina fotografica di Pino Bertelli una fiducia ancestrale, quella legata ad un artista che afferma:

«Non esistono guerre giuste, né guerre sante né guerre “umanitarie”… Avete fatto un deserto di morti e l’avete chiamato pace! Maledette le guerre e le carogne che le fanno! La pace si fa con la pace! Toccare la pace! Toccare la pace! La pace non si concede, ci si prende. Per l’amore come per la libertà non ci sono catene.

Quand’anche avessi tutti i tesori della terra e conoscessi le lingue degli angeli, se non ho l’amore non sono niente! Là dove le nostre lacrime s’incontrano i nostri cuori si danno del tu! Se il sogno di pace, libertà, giustizia è di uno solo, resta un sogno, se è il sogno di tanti diventa storia!» (Pino Bertelli).

Il progetto Terra Mater, all’interno del quale la mostra si inserisce, nasce per riflettere su come primo, secondo e terzo mondo siano sempre più distanti, e di come migliaia di esseri umani vivano in condizioni di disagio. La fotografia, la poesia, la musica e tutte le forme dell’arte, con il loro portato estetico, etico, sociale e civile, rimangono un segno che bisogna riconoscere, per ritrovarvi la possibilità di cambiare e di tornare a nutrire rispetto per la Terra che ci ha generati tutti uguali. Le associazioni che contribuiscono all’esposizione agiscono, attraverso strumenti diversi, per affermare questo messaggio di uguaglianza e di giustizia, attraverso la legalità e le iniziative sociali, la produzione e diffusione dell’arte. Gli autori e gli interpreti testimoniano la delicatezza di un’umanità che sopravvive in una bellezza troppo spesso inconsapevole.

Gli introiti della vendita del catalogo della mostra saranno devoluti in favore dell’Albergo dei poveri di padre Alex Zanotelli.

Per ulteriori informazioni: http://www.lemuratepac.it/