Home > Webzine > Arte > "Fotografie di viaggio (1962-1995)" di Renzo Bemporad, la mostra in realtà aumentata
lunedì 09 dicembre 2019

"Fotografie di viaggio (1962-1995)" di Renzo Bemporad, la mostra in realtà aumentata

22-11-2019
É in programma fino al 31 dicembre 2019 la mostra fotografica "Fotografie di viaggio (1962-1995)" di Renzo Bemporad, nella prima galleria d’arte in Italia senza pareti: "Artinside Gallery" di Artebinaria.

Fotografie di viaggio: 25 scatti che trasportano nei diversi luoghi in cui l’immagine è stata scattata e raccontano una storia da cui non si può distogliere lo sguardo: l’incanto del viaggio alla conquista del mondo di due giovani innamorati, la gioia per l’arrivo del primo erede, l’avventura di un viaggio a Parigi con la Lambretta, l’attesa di un favoloso tramonto, la fatica dell’umile pesca, le luci delle religioni, l’accoglienza di un gentile isolano, il richiamo del mare, il comune desiderio di libertà. Scatti di genuina autenticità ci rivelano l’animo curioso di Renzo Bemporad (classe 1932). Dal viaggio a Parigi in Lambretta datato 1962 e dal primo selfie del 1963 a Firenze, gli scatti attraversano Istanbul, la Romania, l’Olanda, Londra degli anni Settanta, fino a giungere a Creta, Santorini e Volterra negli anni Novanta del Novecento.

Anche se la vita di Renzo Bemporad è stata segnata dalle leggi razziali e dall’Olocausto, che ha cambiato la vita di tante famiglie ebree, in questa mostra viene rivelata la forza di un uomo, di un marito, di un padre che, oltre alle cicatrici e alle profonde sofferenze, non si è mai arreso alla vita, ma l’ha continuata ad indagare con la sua spiccata curiosità. Lui, che ha definito la sua vita "come una manciata di coriandoli lanciata così senza allegria", lui permeato da un perenne pessimismo, ci ha regalato con queste immagini vibranti ed imprevedibili stelle filanti nell’intrecciato ed impervio viaggio chiamato “vita”.

Animato da sempre da una profonda curiosità, Renzo Bemporad è entrato in contatto col mondo della fotografia presso il fotografo Levi di Firenze, dove, all’età di diciassette anni, svolgeva dei lavoretti estivi per pagarsi i libri scolastici. Renzo ha poi scoperto la libertà di scattare le proprie fotografie e la macchina fotografica è diventata una compagna irrinunciabile nei suoi tanti viaggi.
Nato a Venezia nel 1932, trasferitosi con la famiglia a Firenze all’età di sei anni, Renzo Bemporad ha vissuto la guerra, le leggi razziali e l’Olocausto che ha cambiato la vita di tante famiglie ebree come la sua. A 18 anni è entrato come contabile in una ditta di bomboniere a Firenze per far fronte alle esigenze di famiglia. Ha fatto carriera, si è sposato, ed ha continuato in privato ad alimentare il suo segreto amore per la poesia e la fotografia.

Artinside Gallery è una applicazione disponibile gratuitamente sull’App Store per iPhone e iPad ed è ideata e sviluppata da Artebinaria, con sede a Firenze.

Per ulteriori informazioni: www.artebinaria.it


AC