Home > Webzine > Arte > Fondazione Scienza e Tecnica: incontro sul solstizio d'estate al Planetario di Firenze
giovedì 29 settembre 2022

Fondazione Scienza e Tecnica: incontro sul solstizio d'estate al Planetario di Firenze

20-06-2022

Il solstizio d'estate a Firenze, martedì 21 giugno 2022 alle ore 11.14, è inizio dell’estate astronomica; indica l’istante nel quale il Sole cessa di alzarsi sopra l’equatore celeste e pare si fermi per poi riabbassarsi: è un momento magico, che, da sempre, si è caricato di simboli e aspettative. È un momento positivo, che sancisce, secondo la tradizione, l’inizio della stagione estiva, che il Planetario della Fondazione Scienza e Tecnica di Firenze (Via Giuseppe Giusti, 29) vuole solennizzare con un incontro, curato dal Dr. Ruggero Stanga, per chiarire gli aspetti tecnici di questo evento, i miti, le false certezze. Dopo la chiusura dovuta alla pandemia, riaprire il Planetario lunedì 20 giugno 2022 alle 21 per questa occasione, ha una valenza simbolica fortissima. Restituire ai Fiorentini e ai turisti la possibilità di usufruire di una nuova macchina, ancora più potente, per decriptare i misteri del cielo.

Il solstizio sarà celebrato anche dall’iniziativa “Un millennio di luce”, organizzata da Museo Galileo e Abbazia di San Miniato al Monte. Alle 13,53 del 20 e 21 giugno, in prossimità del mezzogiorno solare, un raggio di sole illuminerà il segno del Cancro del grande zodiaco marmoreo di San Miniato al Monte, eseguito nel 1207, annunciando il solstizio d’estate. L’evento sarà presentato dal cartografo Simone Bartolini.
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su: https://solstizio2022sanminiato.eventbrite.it - Informazioni: 055 265311, info@museogalileo.it

Solstizio: anche quest'anno torna l'estate
Leggiamo nel cielo lo scorrere del tempo, il cambiare delle stagioni, dalla notte dei tempi, ben prima dell'agricoltura, ben prima dell'allevamento. Una regolarità che ci dà sicurezza: oggi, domani, ieri, abbiamo dei riferimenti in cielo, magari noiosamente ripetitivi, ma stabili. Una stabilità indizio della perfezione del cielo al di sopra delle nubi, e da questa perfezione garantita. Abbiamo potuto fare progetti, perché abbiamo potuto prevedere i cambiamenti della vegetazione, gli spostamenti degli animali migratori. La nostra sopravvivenza e la nostra evoluzione dipendono da questa stabilità. Ma è proprio vero? Come è cambiata la nostra conoscenza? Quanto è stabile l'Universo?
Attività a pagamento
Prenotazione facoltativa al numero 0552343723 oppure iscrizioni@fstfirenze.it dal lunedì al venerdì con orario 9 – 13

Per maggiori informazioni: www.fstfirenze.it