Home > Webzine > Lettura > Aspettando "La città dei lettori", incontro con Christine Von Borries in attesa del festival
sabato 11 luglio 2020

Aspettando "La città dei lettori", incontro con Christine Von Borries in attesa del festival

02-07-2020

Sarà Christine Von Borries la protagonista del secondo appuntamento di Aspettando La città dei lettori, il ciclo di eventi di avvicinamento alla terza edizione del festival dedicato al libro e alla lettura che si terrà dal 27 al 30 agosto a Villa Bardini e che è ideato e curato dall’Associazione Culturale Wimbledon con la collaborazione e il contributo di Fondazione CR Firenze. L’autrice incontrerà il pubblico nell’area pedonale di via de’ Cerretani, di fronte alla Libreria Libraccio, giovedì 2 luglio alle 18.30 per parlare dell’ultimo romanzo Le unghie rosse di Alina (Giunti), con gli interventi di Paola Belsito, giudice del Tribunale di Firenze, e Rolando Paterniti, psichiatra. Gli incontri, a ingresso libero e in programma tutti i giovedì fino al 30 luglio, sono a cura dell’Associazione Culturale Wimbledon e della Libreria Libraccio di Firenze, in collaborazione con l’Estate Fiorentina 2020 del Comune di Firenze.

Uscito a marzo per Giunti, Le unghie rosse di Alina è il secondo capitolo firmato da Christine Von Borries, già sostituto procuratore della Repubblica del Tribunale di Firenze, con protagoniste quattro inseparabili amiche, Valeria Parri, pubblico ministero alla Procura di Firenze; Erika Martini, ispettore di polizia; Giulia Gori, giornalista; Monica Giusti, commercialista, alle prese con un nuovo mistero da risolvere. Nelle acque di un torrente, alla periferia di Firenze, viene ritrovato il cadavere di una giovane donna, dai lunghi capelli biondi e dalle unghie laccate di rosso. Di lì a breve si scoprirà che la vittima è una prostituta ucraina, Alina. Ma quello che potrebbe sembrare il gesto di un balordo porterà gradualmente alla luce una vicenda molto più complessa, che affonda le radici nella Firenze altolocata, disposta a tutto pur di soddisfare i desideri più urgenti, come quello di avere un figlio a ogni costo. E tra una cena, un aperitivo e una serata a teatro, le quattro amiche non solo dipaneranno la fitta trama di intrecci sentimentali, tradimenti e tensioni familiari che movimentano le loro vite, ma riusciranno a mettere insieme i vari tasselli del mosaico che ruota intorno alla morte di Alina. E tutto questo grazie a un’arma in più, l’unica veramente efficace: la complicità e la solidarietà femminile che le tiene unite da tanti anni. Ma stavolta Valeria, Erika, Giulia e Monica arriveranno così vicine alla verità da mettere a rischio perfino le proprie vite.

Madre italiana e padre tedesco, Christine Von Borries è nata a Barcellona nel 1965. Dopo la laurea in giurisprudenza vince il concorso in magistratura e lavora come pubblico ministero ad Alba, Prato, Palermo e dal 2005 a Firenze. Ha pubblicato con Guanda Fuga di notizie e Una verità o l’altra. Nel 2018 per Giunti è uscito il primo romanzo con protagoniste le quattro amiche fiorentine, A noi donne basta uno sguardo.

A partire da oggi, inoltre, è online la nuova campagna de La città dei lettori a cura di Studio Dispari, con le date di tutti gli appuntamenti in programma (24 e 25 luglio, Arezzo a Casa Museo Ivan Bruschi; dal 27 al 30 agosto, il festival a Firenze a Villa Bardini; 4 e 5 settembre, Calenzano alla Biblioteca Civica). Sul manifesto campeggiano il volto di Dante, anteprima delle celebrazioni del 2021 per il 750° anniversario dalla sua nascita e la scritta ‘Librellione’, neologismo che indica la ribellione alle brutture del mondo attraverso la letteratura.

Infine, sulla piattaforma Produzioni dal basso sarà possibile sostenere il festival. “Molto del nostro budget è stato tagliato, alcuni finanziamenti azzerati – dice il direttore Gabriele Ametrano – . Abbiamo integralmente ripensato questa edizione per consentire una fruizione in tutta sicurezza. Siamo convinti che la cultura e la lettura abbiano un ruolo sociale, che siano la chiave per la ripartenza. Per questo, pur con sforzi enormi, abbiamo la responsabilità di esserci e dare un segnale di rinascita. Questa campagna crowdfunding ci serve per rimettere insieme un po' di forze economiche e portare a termine il nostro progetto, ma anche per aiutare Busajo Onlus”. Sul sito sono già attive le iscrizioni per il laboratorio La scrittura non si insegna con Vanni Santoni in programma sabato 29 agosto dalle 10.30 alle 12.30 a Villa Bardini, un inedito e originale corso di scrittura attraverso le pagine dell’omonimo saggio di Santoni, uscito a maggio su Minimum Fax. La campagna è attiva al link https://bit.ly/Cittàdeilettori2020_crowdfunding

Calendario degli appuntamenti di Aspettando La città dei lettori

Tutti gli incontri sono a ingresso libero e si svolgeranno all’aperto, nell’area pedonale di Via de’ Cerretani a Firenze, di fronte alla Libreria Libraccio, sempre alle 18.30.

25 giugno: Leonardo Gori Il ragazzo inglese (TEA)

2 luglio: Christine Von Borries Le unghie rosse di Alina (Giunti)

9 luglio: Alessandro Raveggi Grande Karma. Vite di Carlo Coccioli (Bompiani)

16 luglio: Luisanna Messeri e Angela Simonelli Le stories di Artusi (Giunti)

23 luglio: Sasha Naspini I Cariolanti (Edizioni E/O)

30 luglio: Luca Ricci Gli estivi (La nave di Teseo)

La rivista La città dei lettori

Tra i progetti in corso, proseguono le pubblicazioni online della rivista La città dei lettori. L’omonimo progetto editoriale legato alla rassegna, anche durante i mesi di lockdown, ha avvicinato lettori e autori, proponendo gli inediti di numerosi scrittori italiani e invitando alla lettura in casa. In occasione del festival uscirà il numero cartaceo annuale, gratuito e senza pubblicità, ma è già possibile leggere i brani di Valerio Aiolli, Ilaria Gaspari, Francesco Musolino, Silvia Bottani, Aisha Cerami, Cristina Marconi, Alberto Schiavone, Susanna Tartaro, Simone Innocenti, Cristiano Governa, Marco Vichi e molti altri sul sito https://www.lacittadeilettori.it/rivista/.

Il festival La città dei lettori

Il festival La città dei lettori è ideato e curato dall’Associazione Culturale Wimbledon con la direzione di Gabriele Ametrano, la collaborazione e il contributo di Fondazione CR Firenze, Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron, Comune di Calenzano e Biblioteca Civica di Calenzano, il sostegno di Unicoop Firenze e IED Firenze, la gentile collaborazione dell’Estate Fiorentina 2020 del Comune di Firenze e della Fondazione Casa Museo Ivan Bruschi amministrata da Ubi Banca

Per maggiori informazioni: www.lacittadeilettori.it