Home > Webzine > Lettura > "Don Chisciotte", letture al Teatro Comunale di Antella e alla Biblioteca Ernesto Ragionieri
mercoledì 21 ottobre 2020

"Don Chisciotte", letture al Teatro Comunale di Antella e alla Biblioteca Ernesto Ragionieri

22-10-2020
Il Teatro Comunale di Antella, all'interno della sua stagione teatrale propone una serie di letture del ciclo "I Capolavori della Letteratura Mondiale", letture e immagini a cura di Riccardo Massai.
Le letture con Amerigo Fontani, Alessio Sardelli, Riccardo Massai sono suddivise in due diversi appuntamenti: giovedì 22, giovedì 29 Ottobre e giovedì 5 Novembre alle ore 18.00, al Teatro Comunale di Antella (via Montisoni 10, Bagno a Ripoli). Venerdì 23, venerdì 30 Ottobre e venerdì 6 Novembre alle ore 21.00 saranno invece in replica, ospiti della rassegna "Autunno di libri", alla Biblioteca Ernesto Ragionieri (Piazza della Biblioteca 4, Sesto Fiorentino).

L'omaggio di quest'anno va all'eroe dei mulini a vento, il Don Chisciotte della Mancia di Miguel De Cervantes (1547- 1616) il primo grande romanzo dell'età moderna. Intellettuale innamorato dell'azione, Don Chisciotte è il simbolo della cieca fede in un ideale che resiste a qualunque oltraggio, il suo scudiero Sancio è invece l'allegoria vivente del buon senso, della concretezza anche ingrata del reale. Ma il romanzo di Cervantes si presenta come opera ben più stratificata e complessa: è una galleria dei generi letterari del suo tempo, dalla poesia d'amore al romanzo picaresco alla novella pastorale; è lo specchio del controverso passaggio dagli ideali di armonia e misura rinascimentali alla follia inventiva del Barocco; è soprattutto una riflessione
senza tempo sulla natura umana e sulle sue ineliminabili contraddizioni.

Il programma

Giovedì 22 Ottobre ore 18.00 - Teatro Comunale Antella
Venerdì 23 Ottobre ore 21.00 - Biblioteca Ernesto Ragionieri
Parte seconda - Don Chisciotte si ritira nella Sierra Morena. Qui Don Chisciotte manda Sancio a trovare Dulcinea: deciso a far penitenza nei boschi si aggira nudo tra gli alberi. Sancio Panza, arrivato all'osteria, incontra il curato del suo paese che lo convince a tornare insieme dal suo padrone. Nel tragitto incontrano la giovane Dorotea, che si unisce a loro e d'accordo con il curato finge di essere la Principessa Miccomicona e chiede aiuto al cavaliere contro un gigante che minaccia il suo regno. Don Chisciotte non esita e in una locanda affronta degli otri di vino scambiati per il terribile gigante.
Infine intrattenutosi a banchetto, Don Chisciotte sostiene la bellezza della vita da cavaliere errante e il valore salvifico della lettura, delle commedie e dei romanzi. Viene poi ricondotto in una gabbia al suo paese dal curato.

Giovedì 29 Ottobre ore 18.00 - Teatro Comunale Antella
Venerdì 30 Ottobre ore 21.00 - Biblioteca Ernesto Ragionieri
Parte Terza - Sancio rivela al padrone che è apparso un libro El ingegnoso hidalgo Don Quijote de la Mancia che narra le sue avventure. Inorgoglito Don Chisciotte decide di ripartire.
Incontra il Cavaliere del Bosco che lo sfida a duello. Don Chisciotte ha la meglio e riconosce in lui il baccelliere Carrasco che intendeva così ricondurlo a casa. Don Chisciotte e Sancio si rimettono in viaggio diretti a Saragozza: incontrano la Compagnia della morte e successivamente, ritornati all'osteria, Don Chisciotte distrugge un teatro di burattini per difendere la marionetta che interpreta il personaggio della principessa. Infine incontrano un duca e la sua duchessa in una battuta di caccia: questi invitano i due al castello. Qui Don Chisciotte e Sancio sono vittime di una complessa trama di burle.

Giovedì 5 Novembre ore 18.00 - Teatro Comunale Antella
Venerdì 6 Novembre ore 21.00 - Biblioteca Ernesto Ragionieri
Parte quarta - Sancio Panza divenuto governatore dell'isola di Baratteria, schernito, preferisce tornare con Don Chisciotte verso Barcellona. Così incontrano il Cavaliere della Bianca Luna che vincendo a duello Don Chisciotte lo obbliga a tornare a casa: dove il protagonista, dopo aver contratto una forte febbre e ritrovato il senno, muore come Alonso Quijano detto “il Buono”.

Maggiori informazioni: www.archetipoac.it

C.B.