Home > Webzine > Lettura > Leggere per non dimenticare: presentazione del libro "Comunità" di Marco Aime
sabato 28 novembre 2020

Leggere per non dimenticare: presentazione del libro "Comunità" di Marco Aime

25-11-2020
Mercoledì 25 novembre 2020, alle ore 17.30, presso la Biblioteca delle Oblate (Via dell’Oriuolo, 24 - Firenze) continua il ciclo di incontri "Leggere per non dimenticare" a cura di Anna Benedetti. Dopo un'introduzione di Davide PapottiMarco Aime, insegnante di Antropologia culturale all'Università di Genova e autore di numerosi saggi, parlerà del suo libro "Comunità" (Il Mulino, 2019). In seguito all'entrata in vigore del nuovo DPCM, sulle misure per il contrasto e il contenimento dell'emergenza Covid-19, non sarà consentito l'accesso al pubblico all'interno della Biblioteca delle Oblate. L'incontro previsto sarà comunque fruibile tramite una "diretta Facebook" con la presenza dell'autore al seguente indirizzo:
https://www.facebook.com/groups/leggerepernondimenticare/

Come e quando la comunità ha smesso di essere il nostro orizzonte sociale e psicologico? Se la società urbano-industriale ha contribuito a indebolire relazioni e rituali depositari di una memoria condivisa, il colpo decisivo è arrivato dalla Rete, con le sue communities virtuali in cui velocità, tweet e like hanno sostituito qualità, conversazione, amicizia. In questa era dei non luoghi e dell’eterno presente, tuttavia, il bisogno di comunità resta. Perché allora non provare a ricostruire un «noi» fondato su autentici legami di prossimità?

Marco Aime insegna Antropologia culturale presso l’Università di Genova. Tra i suoi libri "Eccessi di culture" (2004) e "Contro il razzismo. Quattro ragionamenti" (2016), pubblicati da Einaudi, nonché "L’isola del non arrivo" (Bollati Boringhieri, 2018). Ha condotto ricerche in Benin, Burkina Faso e Mali, oltre che sulle Alpi italiane. Ha anche scritto opere di narrativa tra cui "Taxi brousse", "Le nuvole dell’Atakora" e "African graffiti".

Per maggiori informazioni: www.leggerepernondimenticare.it

C.D.B.