Home > Webzine > Lettura > "Letteratura e psicanalisi", ciclo di incontri alla Biblioteca dell'Orticoltura di Firenze
mercoledì 19 gennaio 2022

"Letteratura e psicanalisi", ciclo di incontri alla Biblioteca dell'Orticoltura di Firenze

21-01-2022
Venerdì 21 gennaio 2022, alle 17.00, alla Biblioteca dell'Orticoltura di Firenze (Via Vittorio Emanuele II, 4) inizia il ciclo "Letteratura e psicanalisi", 5 incontri con psicanalisti e psicologi dell'Associazione Extimitè.

La psicanalisi è un sapere che nasce dall'uomo e si occupa dei cosidetti "scarti": degli inciampi della coscienza, degli errori, ma anche dell'amore e dell'odio, della sofferenza e del piacere, dei nostri sogni e dei nostri fantasmi. Benchè lo faccia in modo del tutto originale, la psicanalisi, così come la letteratura, affronta temi che attraversano la complessità umana da sempre.
Negli anni scorsi è stato analizzato, attraverso la condivisione del testi di letteratura e la discussione con il pubblico dei temi presenti all'interno dei libri scelti, di rintracciare alcuni dei concetti fondamentali del sapere psicanalitico. Quest’anno gli incontri verteranno sull’osservazione di alcuni “casi clinici” che, come disse un giovane Freud agli inizi del suo percorso psicoanalitico, “si leggono come novelle”.

Il primo appuntamento è con Mario Ajazzi Mancini, psicanalista e scrittore, autore del libro "L'esordiente innamorato" (Castelvecchi Editore). Il protagonista del suo racconto è Thomas Argenti, scrittore anziano e senza opera, che ha pubblicato un solo romanzo, ma i suoi cassetti, come quelli di un esordiente, sono colmi di racconti. Trascorre le serate dialogando con un giovane studioso sul senso della scrittura, sul segreto della lingua, sulla poesia; cercando di tracciare una “mappa del tesoro” di quello che ha vissuto e immaginato, alla ricerca di un senso che sente intimo e immediato, eppure sempre sfuggente. Il viaggio attraverso i ricordi di una vita rivela una cronologia fallace quanto la memoria dello scrittore: i tempi e i luoghi si confondono. Ricorre allora alle figure dell’amore, scandendo in una litania erotica e affettiva i nomi di tutte le donne che ha amato. Che rivivono, tornano a lui, e sembrano custodire la chiave del forziere.

Mario Ajazzi Mancini svolge a Firenze attività clinica e didattica come docente presso la Società di Psicoterapia Comparata. Si occupa di psicoterapia, psicanalisi e poesia; di teoria e pratica della traduzione, con particolare riguardo all’opera di Freud, alla poesia di lingua tedesca (Hölderlin, Trakl, Kafka, Rilke, Celan) e al pensiero francese contemporaneo (Lacan, Derrida, Blanchot).

Prossimi incontri

Venerdì 4 febbraio - ore 17
Essendo due, a causa di ciò erano tre
Interviene Federico Fabbri, psicoanalista

Venerdì 18 febbraio - ore 17
Assenze e presenze
Interviene Ilaria Detti, psicoanalista

Venerdì 4 marzo - ore 17
Memorie di un malato di nervi
Interviene Giulia Lorenzini, psicoanalista.

Venerdì 18 marzo - ore 17
Follia della promessa, follia della memoria
Interviene Nicola Mariotti, psicoanalista

La partecipazione è gratuita su prenotazione.

Per informazioni e prenotazioni: 055 4627142 - bibliotecaorticoltura@comune.fi.it  - https://cultura.comune.fi.it