Città di Firenze
Home > Webzine > Lettura > "D.H. Lawrence e Frieda a Firenze", incontro con Nicoletta Manetti alla Biblioteca Buonarroti
domenica 21 luglio 2024

"D.H. Lawrence e Frieda a Firenze", incontro con Nicoletta Manetti alla Biblioteca Buonarroti

26-03-2024
Martedì 26 marzo 2024, alle ore 17.30, la Biblioteca Filippo Buonarroti di Firenze (Viale Alessandro Guidoni, 188) ospita l'incontro di presentazione del libro "D.H. Lawrence e Frieda a Firenze. L'amante di Lady Chatterley" di Nicoletta Manetti (Angelo Pontecorboli editore, 2023), in occasione della rassegna "Si scrive Marzo, si legge Donna". Presenta Sylvia Zanotto.

Più volte D.H. Lawrence, nel suo continuo viaggiare, da solo o con la moglie Frieda, soggiorna a Firenze. Qui scrive poesie poi inserite in Birds, beasts and flowers. Qui ambienta le pagine più belle de La verga di Aronne. Ma, soprattutto, qui scrive L’amante di Lady Chatterley. Lo scrive sulle colline, a Villa Mirenda, dove i Lawrence vivono, tra una fuga e l’altra, per ben due anni. Un lavoro tormentato, accantonato, ripreso. Scritto nei boschi, sotto i pini, tra il brulicare delle lucertole e gli usignoli che “pare si divertano a veder voltare pagina”. Quello che lui stesso definisce “il romanzo più indecente che sia mai stato scritto” viene rifiutato da tutti. è l’amico libraio Pino Orioli a indirizzarlo alla tipografia Giuntina, per pubblicarlo privatamente. L’amarezza è lenita dall’armonia che L. finalmente trova nella flowery Tuscany: quell’armonia da lui tanto vagheggiata tra la natura e il lavoro dell’uomo; il ritmo delle stagioni scandito dal contadino che ama la sua terra e dalla tavolozza di colori dei fiori. Lawrence è in estasi: “Il paese è davvero il più fiorente che io abbia mai conosciuto, e ne provo non so quale consolazione”. Pare quasi che Firenze possa placare la sua vocazione indomita per la fuga. Purtroppo sarà l’aggravarsi della malattia stavolta a spingerlo altrove.

Nicoletta Manetti, fiorentina, ha svolto per ventisette anni la professione di avvocato. Il suo romanzo VICO (SoleOmbra, 2015) è stato finalista ai premi Giovane Holden 2017, Rive Gauche 2017 e Città di Arce 2020. Ha pubblicato racconti in diverse antologie, tra le quali La scia nera a cura di Marco Vichi (TEA, 2019) e in riviste, tra cui la rivista proustiana «La rechérche». Ha curato con Roberto Mosi Sinfonia per San Salvi, Ed. Il Foglio, 2020. Per la poesia ha vinto vari premi con la silloge Confidenze a un canarino e pubblicato in Luci Sparse, Ed. Pagine, 2020; sulla rivista «L’Area di Broca» a cura di Mariella Bettarini e sul sito: www.poetipoesia.com. Fa parte del “Gruppo Scrittori Firenze” e della giuria del relativo premio letterario. Con il GSF ha partecipato alle antologie Accadeva in Firenze Capitale, Ed. Carmignani, 2021 e Gente di Dante, Ed. Tabula Fati, 2021. Ha curato l’antologia Le sconfinate – da Antigone ad Amy Winehouse, Ed. Carmignani, 2022. Ha pubblicato, nel giugno 2022 con Pontecorboli, Anja e Dostoevskij a Firenze e nel maggio 2023, D.H. Lawrence e Frieda a Firenze.

Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 055432506 o scrivere a bibliotecabuonarroti@comune.fi.it 
Web: https://cultura.comune.fi.it