Home > Webzine > Musica > "Songs of Resistance", concerto a ingresso libero di Marc Ribot in Piazza del Carmine
sabato 21 settembre 2019

"Songs of Resistance", concerto a ingresso libero di Marc Ribot in Piazza del Carmine

14-09-2019

Sabato 14 settembre 2019, alle ore 21.30, Musicus Concentus con Firenze Jazz Festival presenta, per l'anteprima della rassegna A Jazz Supreme 2019, il concerto a ingresso libero "Songs of Resistance" di Marc Ribot in Piazza del Carmine.

La resistenza politica è un’attività inclusa nella vita dei veri esseri umani; persone che amano, mangiano, piangono e talvolta ridono (o almeno dovrebbero, se non vogliamo diventare ridicoli come i fumetti a cui cerchiamo di resistere).
Songs of RESISTance è un nuovo progetto di Marc Ribot (pubblicato anche su disco a settembre 2018) nel quale i testi sui diritti civili e i canti dei movimenti antifascisti partigiani (con o senza la musica di accompagnamento originale) sono al centro della scena. Ribot ne ha cucito intorno e attraverso anche un repertorio completamente originale che si fonde si alterna a passaggi di free jazz, canzoni d’amore, la resistenza musicale di Albert Ayler e di John Coltrane.

“Dobbiamo combattere, dobbiamo anche piangere.” 
“Ogni movimento che abbia mai vinto qualcosa ha avuto delle canzoni” – dice Marc Ribot.

Con il suo nuovo album “Songs of Resistance 1948 – 2018”, Ribot, uno dei più famosi e apprezzati chitarristi del mondo, ha deciso di mettere insieme una serie di canzoni che hanno parlato di questo momento politico con ambizione, passione e veemenza appropriate.
Le undici canzoni del disco sono tratte dai canti partigiani antifascisti della Seconda Guerra Mondiale, dal movimento per i diritti civili degli Stati Uniti e dalle ballate di protesta messicane, così come da composizioni originali. Numerosi gli ospiti coinvolti da Ribot, tra cui Tom Waits, Steve Earle, Meshell Ndegeocello, Justin Vivian Bond, Fay Victor, Sam Amidon e Ohene Cornelius.

Songs of Resistance
Marc Ribot/ voce, chitarra
Jay Rodriguez/ sax, flauto
Brad Jones/ basso
Ches Smith/ batteria
Reinaldo de Jesus/ percussioni

Per maggiori informazioni: www.musicusconcentus.com