Home > Webzine > Musica > Concerto in ricordo di Riccardo Marasco al Six Bars Jail di Firenze
sabato 25 gennaio 2020

Concerto in ricordo di Riccardo Marasco al Six Bars Jail di Firenze

13-12-2019
Sabato 13 dicembre 2019, alle ore 21.30, il Six Bars Jail di Firenze (SMS Serpiolle - via delle Masse, 38) anche quest’anno ricorderà Riccardo Marasco con un evento a lui dedicato in prossimità dell’anniversario della sua scomparsa.

Il 18 dicembre 2015 ci lasciava Riccardo Marasco.
Quando muore un cantastorie, quando muore il più grande dei cantastorie toscani che ne è delle sue storie?
Gli restituiscono il favore: da ora in poi saranno loro a raccontarlo.

Silvio Trotta, compagno artistico per vent’anni di Riccardo Marasco è l’ideatore, insieme al Six Bars Jail Folk Club, di una serie di concerti che da quattro anni ricordano il Maestro Riccardo Marasco. Per il ricordo di questo quarto anno dalla scomparsa la scelta è stata fatta riprendendo il repertorio di un importante concerto del Maestro, quello dedicato alla sua Firenze. E così, passeggiando per la città si svelano aneddoti e storia attraverso i brani che parlano di essa. Il concerto presenta le canzoni “cartolina” come Firenze sogna, quelle del grande Odoardo Spadaro quali “Sulla carrozzella”, e poi i brani di Marasco intrisi di fiorentinità come Firenze Bottegaia. Un viaggio musicale pieno di riferimenti artistici e storici impreziosito da proiezioni video e da una mostra fotografica su Firenze.

Con i suoi plettri ha accompagnato il canto del Maestro sui i palchi prestigiosi di tutto il mondo, ha costruito sicuro e rispettoso un’alchimia complice con la sua verve dissacrante condividendo la passione profonda per la sua ricerca e per la musica di tradizione. In questo progetto Trotta riafferma la stima e l’interesse per il mondo musicale e artistico del Maestro, ne riconosce l’indiscusso valore nella consapevolezza della sua inimitabilità. La complessità artistica e umana di Riccardo, la sua voce, il suo bel fraseggiar toscano, la sua sagace ironia, la sua cultura storica e musicale sono ineguagliabili e possono solo essere raccontate in un tentativo affettuoso di rievocare le tante emozioni che ha regalato al suo pubblico. Lo spettacolo, lontanissimo da qualsiasi idea di “cover”, intreccia canzoni e letture di brani in un amalgama narrativo intenzionato a fermare pezzetti di quel mosaico variegato e ricchissimo che Marasco ha costruito in una vita spesa per la musica e per la cultura, nella speranza di non perderlo.
Silvio Trotta ha scelto per questo concerto due “Musicanti”. Stefano Tartaglia, flauto dritto, e Alessandro Bruni, chitarra, che hanno accompagnato lui e Marasco in tanti concerti e le voci di Lisetta Luchini e Massimiliano Giuntini.

Lisetta Luchini, fiorentina di nascita, è oggi una delle interpreti più autorevoli del canto popolare della sua terra. Amica fraterna di Marasco ha condiviso con lui una passione viscerale per la ricerca e la salvaguardia del patrimonio di musica popolare toscana. Dotata di una bella ed incisiva voce da contralto scrive inoltre suoi brani con i quali si fa continuatrice dell’antica tradizione dei “cantastorie”.
Massimiliano Giuntini è un fedelissimo fans del Maestro, profondo conoscitore della sua musica e della sua ricerca, è il fondatore del primo fans/club a lui dedicato “ La mandola di Mafaldo”.
I racconti sono invece di Moreno Betti, Barbara Petrucci e Piero Cherici esponenti della compagnia teatrale toscana Diesis Teatrango che da sempre dimostra interesse verso la tradizione e nutre il proprio teatro di memoria.

Lo Spettacolo sarà impreziosito da proiezioni video sulla carriera del Maestro a cura del Six Bars Jail – Folk Club Firenze.
Ospite speciale della serata Leonardo Pieraccioni.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: www.sixbarsjail.it