Home > Webzine > Teatro & Danza > "Medea. La deriva del corpo nella pressione del suono" in scena al Tenax Theatre
mercoledì 23 gennaio 2019

"Medea. La deriva del corpo nella pressione del suono" in scena al Tenax Theatre

18-12-2018
Martedì 18 dicembre (con repliche il 19 e il 20), alle ore 21.30, va in scena in prima nazionale "Medea. La deriva del corpo nella pressione del suono", uno spettacolo che fa parte della rassegna "Tenax Theatre", ideata da Giancarlo Cauteruccio e Massimo Bevilacqua che mette insieme danza, musica e teatro per affrontare il tema della periferia in un luogo estremo come il Tenax (Via Pratese, 46).

Al tempo in cui il Verbo e il Suono dell'Eros combaciavano in un solo corpo e in un solo battito. Al mito della prima Donna estrema, che non arretrò dinanzi al Male, e infine lo superò. All'ineguagliato racconto novecentesco che inaugurava il secolo sessuale e donava alla Sensibilità femminile l'epoca del suo dominio assoluto. Da Euripide a Pierre Louÿs, passando per la liberazione del desiderio, un Corpo e un Cuore che pulsino assieme, un Kokoro (termine giapponese che significa cuore, corpo, energia) occidentale che sia possibile immaginare, sentire, vivere.

Nel suo lungo iter artistico, Cauteruccio si è misurato più volte e con successo con il mito di Medea e varie interpreti fra cui Irene Papas; in questo nuovo esperimento, come un viaggio à rebours alle radici della sua poetica, il regista si concentrerà nella costruzione di un singolare paesaggio del corpo fuori da ogni regola teatrale.

Questo lavoro si avvale della regia di Giancarlo Cauteruccio, dramaturgo Giuliano Compagno, performer Cecilia Lentini, ambienti digitali di Massimo Bevilacqua.

Tenax Theatre è realizzato con il sostegno di Regione Toscana, Città Metropolitana, Comune di Firenze, Fondazione CR Firenze, in collaborazione con Tenax, Fondazione Teatro della Toscana, Fondazione Toscana Spettacolo, Opus Ballett, Orchestra Futura, Scuola di Musica di Fiesole, Accademia di Belle Arti di Firenze, Conservatorio Cherubini, Unicoop Firenze.

Per ulteriori informazioni: www.teatrostudiokrypton.it 

RC