Home > Webzine > Teatro & Danza > Giorno della Memoria: "Il Grido delle Stelle" al Teatro Reims di Firenze
sabato 25 maggio 2019

Giorno della Memoria: "Il Grido delle Stelle" al Teatro Reims di Firenze

25-01-2019

La tragedia dell'Olocausto vissuta attraverso gli occhi di una tredicenne e il suo profondo amore per il genere umano: in occasione delle celebrazioni del Giorno della Memoria, il Teatro Reims di Firenze ospita in cartellone lo spettacolo “Il Grido delle Stelle”, prima nazionale di Silvia del Secco ispirata ai racconti de “Il diario di Anna Frank”. Lo spettacolo, portato in scena da Nuova Compagnia di Prosa “Città di Firenze” per la regia di Antonio Susini, apre la rassegna Reims D'Autore dedicata ai grandi autori del teatro moderno. 

In scena due giovani ma già esperti interpreti: Anita Susini, tredicenne come la Anna del “Rifugio Segreto”, e Saverio Susini, l’amico Peter, anch’egli quindicenne come il Van Daan del Diario di Anna.

La piece, nella chiave registica di Antonio Susini, non è la solita narrazione didascalica di spezzoni del diario: la struttura narrativa, affidata alla bravura di Rosanna Susini, infatti, alterna alla narrazione degli eventi anche spezzoni di vita reale vissuta dai due ragazzi all’interno del rifugio. Giorno per giorno, Anna ci conduce nel suo mondo familiare, in cui tutti possono riconoscersi: una quotidianità fatta di abitudini e momenti gioiosi ai quali si contrappone l’incubo delle persecuzioni razziali che incombe su tutti gli abitanti dell’alloggio segreto.

Eppure le parole dei due ragazzi consegnano un emozionante messaggio di gioia, speranza ed amore, che, seppur a tratti velato dalla tristezza di una claustrofobica segregazione, accompagnano lo spettatore fino all’arrivo dei nazisti ed al monologo finale di Otto Frank (interpretato dall'attore Luciano Nardini): un monologo che consegna Anna alla “Memoria” universale dell’uomo.

L’allestimento scenico de “Il Grido delle stelle” curato da Elisa Zoltan è minimalista, con gli spazi ridotti ed angusti a rappresentare il senso di oppressione del rifugio e a dare ancora più forza alle parole di Anna, mentre i costumi di Marta Zoltan cercano di dar vita ai personaggi seguendo i contrasti che il testo traccia: la fanciullezza e l’angoscia della storia narrata.

Uno spettacolo emozionante che vibra nelle corde più intime di ogni essere umano.

Il “Grido delle stelle” debutterà al Teatro Reims il 25-26-27 gennaio e rimarrà in cartellone fino al 2-3 febbraio.

Per maggiori informazioni: www.teatroreims.it