Home > Webzine > Teatro & Danza > Florence Dance Festival: “Spotlight on Coreography” in scena al Chiostro di Santa Maria Novella
martedì 10 dicembre 2019

Florence Dance Festival: “Spotlight on Coreography” in scena al Chiostro di Santa Maria Novella

15-07-2019
Lunedì 15 luglio 2019 alle ore 21.30 si terrà lo spettacolo di danza “Spotlight on Coreography”, un trittico composto dalle performance di Irina Baldini, Arianna Benedetti e Gigi Nieuddu. Un'esibizione a cielo aperto in occasione del Florence Dance Festival presso il Chiostro Grande Santa Maria Novella in Piazza Santa Maria Novella, 18.

7 Ways to begin without knowing where to start (2017)
Coreografia: Irina Baldini
Danzatori/Provocatori:
 Irina Baldini, Artemise Ploegaerts, Takashi Iwaoka, Francesco Bax, Elisabetta Violante, Marco Caudera
Drammaturgia:
 Hildegard de Vuyst; Simone Derai; Catherine Schaub Abkarian.
Sound design: Irina Baldini
Produzione:
 La Biennale di Venezia, Direzione Artistica: Marie Chouinard.
Presentato alla Biennale Danza di Venezia 2017 e 2018, è lo spettacolo che l’ha rivelata al pubblico. Per la coreografa italo-finlandese Irina Baldini, il titolo di questo lavoro rimanda ai possibili modi di essere presenti, di rivisitare le proprie abitudini e schemi (mentali e fisici) e scegliere di cambiare i dettagli, di rimanere fedeli all’essenza, dare una possibilità di sorpresa e scoperta dell’ignoto nel conosciuto. La colonna sonora, è un rumore di fondo teso, che integra voci che si sovrappongono, spesso impedendo che le parole siano chiare o chiaramente femminili o maschili, suggerendo campi di interesse, forse una linea guida di lettura, lasciando tuttavia spazio all’interpretazione.

Preghiera
Coreografia: Arianna Benedetti
Musica: Massimo Buffetti
Danzatori: Federica Cangiano, Beatrice Capanni, Filippo Civita, Emilia Giubbasso, Ginevra Gioli, Anna Nuzzi, Sara Picarelli, Lisa Piccioli, Sofia Pierguidi.
L’interesse per la ricerca coreografica ha portato Arianna Benedetti verso la costruzione di una danza articolata in linee trasversali, in una pluralità di linguaggi espressivi come modern, danza urbana, contemporaneo, animando forme corporee e dinamiche minimaliste, stimolando l’emotività e la creatività individuale in un rapporto non casuale con le scelte musicali.
Lo spettacolo descrive un momento di raccoglimento, una preghiera che nell’accogliere la danza, da ricordo si trasforma in distacco, ironia, stupore e infine equilibrio. Con le musiche di Massimo Buffetti, qui in una versione solo strumentale appositamente ripensata, “Preghiera” è tratta da “Hanno detto”, opera da camera in un unico atto, su testo dello scrittore Marco Vichi.

Mystes Dance Company
“Sipario”
Regia & Coreografia: Gigi Nieddu
Assistente Coreografia: Jessica Capanni
Danzatori: Neri Bonciani, Jessica Capanni, Sara Cencetti, Costanza Delfino, Alessia Giraldi, Giulia Inverso, Selene Papeschi, Federica Vallesi.
Musiche: Spekrfreks, r.roo, Meg, Mdrn, Thriftworks.
Costumi: Alessandra Lucaccini.
Gigi Nieddu, fondatore e coreografo di Mystes Dance Company, realtà fiorentina presente in festival nazionali e internazionali, continua il suo lavoro di ricerca sul processo creativo cercando di cogliere i vari stati d’animo che riguardano la realizzazione di un’opera. Cosa accade nella mente dell’artista prima, durante e dopo questo processo creativo? Soprattutto dopo che la sua opera si è conclusa? La risposta a tutte queste domande il coreografo le trova utilizzando come strumento la danza urbana, qui rappresentata in una chiave più “contemporanea”, lontana dai soliti stereotipi, inserita in un contesto funzionale allo spettacolo e legandola a musicalità elettroniche e sperimentali, come tipicamente accade negli spettacoli dei Mystes.

L'iniziativa fa parte dell'Estate Fiorentina 2019.

Foto: studio fotografico Serena Guerzoni

Per ulteriori informazioni: www.florencedancefestival.org