Home > Webzine > Teatro & Danza > "Vivi le vite che vuoi", il programma della nuova stagione del Teatro Reims di Firenze
venerdì 22 novembre 2019

"Vivi le vite che vuoi", il programma della nuova stagione del Teatro Reims di Firenze

21-10-2019

Sette spettacoli che spaziano dal teatro brillante quello d'autore e la conferma dello sconto sui biglietti per gli under 25: sono le principali novità della stagione 2019-2020 del Teatro Reims di Firenze. Dopo il successo degli ultimi due anni, con una media di quasi 8.000 presenze a stagione teatrale, l'Associazione Loriolo, che gestisce il teatro fiorentino, presenta la nuova stagione, confermando la scelta di puntare sul teatro di qualità alla portata di tutti. Confermata anche la tariffa agevolata per gli under 25, introdotta lo scorso anno: si tratta di un biglietto, dal costo di 10 euro, per permettere alle nuove generazioni di avvicinarsi al mondo del teatro. 

La nuova stagione del Teatro Reims si aprirà a novembre 2019 e durerà fino ad aprile 2020. Il titolo è “Vivi le vite che vuoi”, a ricordare come il teatro non sia altro che la trasposizione sul palcoscenico degli infiniti aspetti dell'essere umano. Proprio quegli aspetti saranno declinati nei 7 spettacoli che formeranno il cartellone: da Molière Shaffer fino a Pinter Ionesco, la nuova stagione sarà improntata alla commedia brillante con la conferma della rassegna Reims d'Autore, giunta alla terza edizione. 

"Anche per questa nuova stagione cercheremo di continuare ad offrire spettacoli adatti ad ogni genere di pubblico con uno stile che ben si adegua ai nostri tempi – commentano Antonio Susini Michele Fabbri, direttori artistici del Teatro Reims –Un teatro brillante, “veloce” per gran parte della stagione, ma che guarda al classico del teatro di prosa con un occhio più che complice”

Sono 7 gli spettacoli della stagione 2019-20 del Teatro Reims che confermano la predilezione per la commedia brillante, con un occhio di riguardo al teatro d'autore. La stagione si aprirà il 9/10 novembre prossimo con la prima di Molière, “Il Borghese gentiluomo”, nell'allestimento di Namastè Teatro, per la regia di Stefano Tamburini (in replica il 16/17 novembre). Sempre Namastè Teatro presenterà, il 30 novembre e 1 dicembre, un classico del teatro toscano come “La veglia sull'Aia”, da un'idea di Beppe Ghiglioni, per la regia di Rita Serafini. Toccherà poi a Nuova Compagnia di Prosa, il 21/22 dicembre,presentare un classico della commedia brillante come “Black Comedy” di Peter Shaffer, per la regia di Antonio Susini. Sarà proprio questo spettacolo a salutare la fine del 2019 nell'appuntamento del veglione di Capodanno (28/29/31 Dicembre e in replica 4-5-6 gennaio 2020). Ad inaugurare il 2020 sarà invece la Rassegna Reims D'Autore, giunta alla terza edizione: il primo dei due spettacoli proposti è “Il Calapranzi” di Harold Pinter, per la regia di Antonio Susini, coproduzione Nuova Compagnia di Prosa e Namastè Teatro. Lo spettacolo è in programma il 17/18/19 gennaio e il 25/26 gennaio 2020. A seguire, il 7/8/9 febbraio “Delirio a due” di Eugenè Ionesco, nell'allestimento di Nuova Compagnia di prosa, per la regia di Antonio Susini (in replica il 15/16 febbraio). Marzo sarà invece inaugurato da “Toccata e fuga” di Derek Benfield per la regia di Gianluca Pacini (prima il 7/8 marzo, in replica il 14/15 e 21/22 marzo). A chiudere la stagione, sarà Namastè Teatro con “Assemblea condominiale” di Gerard Darier, per la regia di Stefano Tamburini (prima il 28/29 marzo, repliche 4/5 e 18/19 aprile).

Abbiamo deciso di inserire, all’interno del cartellone, spettacoli “classici” come Molière fino ad arrivare ad opere contemporanee e brillanti come i testi di Shaffer, Darier e Benfield, intervallati da due atti unici nella rassegna “Reims d’autore” con autori del calibro di Ionesco e Pinter e dal sempre verde “La veglia sull’aia” di Beppe Ghiglione– concludono Antonio Susini Michele Fabbri, direttori artistici del Teatro Reims – Un teatro “fresco”, adatto ai giovani e ad un pubblico moderno che trova sulle assi di un ritrovato Teatro Reims il luogo ideale per manifestarsi ed essere manifestato”.

Per maggiori informazioni: www.teatroreims.it