Home > Webzine > Teatro & Danza > "Il modo migliore di servire", lo spettacolo di Iodice su Ambrosoli al Teatro Lo Scantinato
venerdì 17 gennaio 2020

"Il modo migliore di servire", lo spettacolo di Iodice su Ambrosoli al Teatro Lo Scantinato

29-11-2019
Venerdì 29 e sabato 30 Novembre, alle ore 20.45, il Teatro Lo Scantinato di Firenze (Via San Domenico, 51) ospita in scena "Il modo migliore di servire", lo spettacolo scritto da Andrea Iodice con la collaborazione di Andrea Bruni e diretto da Andrea Iodice. (replica venerdì 6 e sabato 7 Dicembre).

La storia racconta frammenti della vita professionale (e personale) dell’avv. Giorgio Ambrosoli, nominato, su proposta della Banca d’Italia, Commissario Liquidatore della Banca Privata Italiana nel settembre 1974, in occasione del primo grande crack finanziario italiano.
Ambrosoli, un avvocato che compie il proprio dovere in nome della Giustizia – con la “G” maiuscola – nel liquidare una banca giunta all’insolvenza attraverso artificiosi e difficilmente ricostruibili meccanismi di frode e spoliazione del patrimonio. E’ attività alla quale Ambrosoli si dedica per quasi cinque anni, trovandosi di fronte ad interferenze di ogni tipo, colpevoli omissioni, inadeguatezze, fino a pressioni, ricatti, provocazioni e minacce che rendono molto difficile il proprio lavoro.

Principale suo antagonista, e poi vero e proprio nemico, è Michele Sindona, finanziere internazionale spregiudicato, creatore e socio di maggioranza di Banca Privata Italiana -arrestato per reati fallimentari anche negli USA-,ricco di amicizie, più o meno segrete, sia in ambienti finanziari che politici, attraverso le quali cerca di bloccare la liquidazione della banca e, quindi, il lavoro di Ambrosoli;si serve in quest’attività di un intermediario, in modo da non doversi esporre palesemente in prima persona. Cerca senza sosta di far sì che il fallimento del proprio impero finanziario ricada, anziché su sé stesso, sui risparmiatori o sulla collettività del Paese.
Di fianco ad Ambrosoli un fidato amico dei tempi dell’Università, Pino, che lo seguirà durante tutta la carriera professionale, e un maresciallo della Guardia di Finanza, Silvio Novembre, che, dopo iprimi momenti di reciproco sospetto e mancanza di fiducia, diviene colui che più di altri sostiene ed appoggia il lavoro di Ambrosoli.
Al suo fianco anche Annalori, la moglie, che, venuta a conoscenza dei pericoli cui va incontro il proprio coniuge attraverso il proprio lavoro, non gli fa mai mancare,in silenzio e senza far pesare alcunché, il necessario sostegno.

Il Governatore della Banca d’Italia ed il Giudice sono i due personaggi che rappresentano quella parte della finanza e della Magistratura che hanno lavorato insieme all’avv. Ambrosoli per la buona riuscita della liquidazione, nonostante settori di quelle istituzioni abbiano intralciato il loro lavoro.
Il legittimo rifiuto di ammettere al passivo fallimentare determinati crediti, fra cui quelli che fanno capo alle società di Sindona ed ai suoi sodali, procura duri contrasti. La strenua difesa degli interessi della collettività da parte di un uomo perbene, dotato di senso del dovere, in contrasto con i tentativi di copertura di vistose illegalità, porterà al sacrificio estremo.Giorgio Ambrosoli venne assassinato nella notte tra l’11 ed il 12 luglio 1979, esattamente quaranta anni fa.La sua “toga insanguinata” è diventata una bandiera.

La compagnia come sempre recita con doppio cast, i ruoli saranno ricoperti secondo il seguente calendario:

Cast A > 29-30 Novembre: Andrea Iodice; Alessia De Rosa; Iacopo Cupelli; Marco Bastianelli; Andrea Bruni; Marco Bernabò; Alberto Goglia; Simone Raggi; Sandra Balsimelli.

Cast B > 6-7 Dicembre: Federico Romei; Chiara Barcaroli; Massimo Bosi; David Contri; Giulio Meoni; Giammarco d’Amato; Diego Marchi; David Dei; Elisa Betti.

I posti sono numerati. Prenotazione assolutamente consigliata.
Ingresso: dalle ore 20.45 alle 21.15

Quota di partecipazione: 10 euro (non è possibile il pagamento con carte o bancomat)
Ridotto 8 euro (per ragazzi sotto 14 anni e allievi e diplomati del Genio della Lampada)

Per partecipare alle serate OCCORRE ESSERE SOCI (la quota associativa 2019 è di 2 €)
Per chi non fosse socio occorre fare richiesta via telefono oppure dal sito internet www.scantinato.net  almeno un giorno prima dell'evento al quale si desidera partecipare.