Home > Webzine > Teatro & Danza > "Omaggio a Gracco e alla Brigata Sinigaglia" al Teatro L'Affratellamento di Firenze
venerdì 22 ottobre 2021

"Omaggio a Gracco e alla Brigata Sinigaglia" al Teatro L'Affratellamento di Firenze

22-10-2021
Venerdì 22 ottobre 2021 alle ore 21.15, A.N.P.I., Quartiere 3 del Comune di Firenze e Associazione Culturale Altroteatro, in omaggio ad Angiolo Gracci “Gracco”, presentano il progetto e spettacolo "Omaggio a Gracco e alla Brigata Sinigaglia" al Teatro L'Affratellamento di Firenze (via Giampaolo Orsini, 73).

Si deve a "Gracco", questo il nome di battaglia di Angiolo Gracci, "Brigata Sinigaglia", il primo libro sulla Resistenza italiana. Uscì nel 1945, in diecimila copie, per l'Istituto Poligrafico dello Stato e fu poi ristampato nel 1976 dalla Feltrinelli e nel 1995 da Laboratorio Politico. Nel libro sono ricordate le imprese della Brigata d'assalto partigiana "Vittorio Sinigaglia", che con la Divisione "Arno", liberò Firenze dai nazifascisti. Gracci, sottotenente della Guardia di Finanza, era stato rimpatriato dall'Albania e si trovava nel capoluogo toscano al momento dell'armistizio. Il giovane ufficiale, con altri militari e con alcuni studenti universitari, diede vita al Movimento detto dei Giovani italiani repubblicani. Il movimento, di ispirazione mazziniana risorgimentale, durò poco e Gracci lo lasciò quando prese contatti con militanti comunisti che da anni lavoravano in clandestinità. Il giovane ufficiale - mandato in montagna dal Comando generale delle Brigate Garibaldi, come capo di stato maggiore della costituenda Brigata Sinigaglia - ne diventa il comandante all'indomani della battaglia di Pian d'Albero. Ferito in combattimento, "Gracco", all'inizio degli scontri insurrezionali per la liberazione di Firenze, si ribella, con l'intera Brigata, all'ordine di disarmo impartito dal Comando degli Alleati. Ad Italia liberata, Angelo Gracci riprende il suo posto nella Guardia di Finanza ed opera per la democratizzazione delle Forze armate. Nel 1949 si laurea in giurisprudenza, ma dopo qualche anno, nel 1956, dopo essere stato trasferito per punizione da una città all'altra, lascia l'uniforme e si trasferisce a Roma, dove lavora per la Lega nazionale delle Cooperative. Passa poi a Firenze, dove organizza il servizio di assistenza legale della locale Camera del Lavoro. Spirito irrequieto, nel 1966 esce dal PCI al quale aveva aderito nel 1944 e nel 1967 viene allontanato anche dall'ANPI. Nel 1974 a Milano, con altri ex partigiani, fonda il Movimento antimperialista antifascista "La Resistenza continua", il cui omonimo periodico curerà sino al 1992. Come avvocato, Gracci difende nei processi i militanti della sinistra extraparlamentare. Durante le lotte nella Piana del Sele è a fianco dei contadini campani. È stato anche tra i fondatori del PCd'I marxista-leninista. Riammesso nell'ANPI, ha militato sino all'ultimo in "Rifondazione Comunista". Tra gli scritti politici di Gracci il libro "La rivoluzione negata", sul Bicentenario 1799-1999.

"Omaggio a Gracco e alla Brigata Sinigaglia"
Progetto e spettacolo su drammmaturgia a cura di Antonello Nave
Interpreti: Francesca Ballerini; Carlo Belliti; Tommaso Chiti; Fiamma Ciampi; Cristiana Deledda; Antonio Lombardi; Edoardo Michelozzi; Martino Moncada; Eugenio Nocciolini; Benedetta Tosi
Regia: Antonello Nave
Fonica: Legri Studio
Direzione tecnica: Marco Oriolo

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria.
Per accedere all’evento è richiesto il Green Pass.
I posti saranno assegnati garantendo il distanziamento, come da normativa vigente.

Per maggiori informazioni: www.affratellamento.it