Città di Firenze
Home > Webzine > Teatro & Danza > "I Care. Don Milani 100", il festival dei Chille de la balanza
venerdì 19 aprile 2024

"I Care. Don Milani 100", il festival dei Chille de la balanza

28-05-2023

Il 27 maggio di quest’anno cade il centenario della nascita di un uomo che ha cambiato profondamente e positivamente la scuola e l’intera società italiana e non solo: Don Lorenzo Milani.

Non è quindi un caso che l’Estate fiorentina e il Comune di Firenze abbiano voluto dedicare un progetto speciale proprio al priore di Barbiana. Il Bando relativo – che utilizza un cofinanziamento dall’Unione Europea – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, nell’ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020 - è stato vinto dal Festival “I CARE. DON MILANI 100” dei Chille de la balanza, con eventi dal 2 giugno al 15 agosto 2023. Il progetto è inserito nel percorso di produzione teatrale della compagnia riconosciuto dal Ministero della cultura e in quello di residenza artistica supportato dalla Regione Toscana. Ha poi un rilievo centrale nell’attività ordinaria della compagnia finanziata da Unicoop Firenze e dalla Fondazione CR Firenze, da sempre attenta a percorsi particolarmente rivolti agli “ultimi”, come in tutt’evidenza l’opera e la vita di don Lorenzo Milani.

La partecipazione a tutte le iniziative del Festival è gratuita; dato il limitato numero di posti, si consiglia comunque una tempestiva prenotazione: tel/whatsapp 335 6270739 o mail a info@chille.it.

Da molti anni la compagnia teatrale diretta da Claudio Ascoli e Sissi Abbondanza è impegnata in una ricerca sull’opera e la vita di don Milani. In questo percorso si è avvalsa della collaborazione di molti testimoni diretti e indiretti: innanzi tutti i suoi allievi di Barbiana e Calenzano, e ancora Giorgio Pecorini, Tullio De Mauro, Adele Corradi…Tra i risultati di questo lavoro di oltre dieci anni, la produzione di uno spettacolo da “Lettera a una professoressa”, la cui prima fu presentata a Vicchio in occasione della “Marcia a Barbiana” e poi in tutt’Italia, e la realizzazione del libro illustrato “Ho disegnato Lettera a una professoressa”,  la cui prima edizione ebbe il vernissage al Salone del Libro di Torino.

Per i Chille è stata quasi naturale, quindi, la necessità-esigenza di dar vita quest’anno ad un nuovo progetto dedicato al priore di Barbiana, intitolato “I CARE. DON MILANI 100”. Esso è nato in dialogo-collaborazione con tutte le Istituzioni impegnate in merito: Fondazione Don Lorenzo Milani, Istituzione culturale “Centro documentazione don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana”, Associazione Gruppo don Lorenzo Milani- Onlus¨, Comuni di Firenze, Vicchio, Calenzano, Montespertoli e Comitato Centenario. Un particolare ringraziamento va a Don Andrea Bigalli, responsabile per la Diocesi di Firenze per Barbiana.

Il Festival – come già avvenuto per l’anteprima di dicembre 2022 e gennaio 2023 – sarà promozionato anche da manifesti dipinti da cittadini a partire da articoli della Costituzione e poi affissi sui muri di Firenze e non solo. Un singolare evento di partecipazione dal basso nel segno di don Milani: “sortirne insieme è la politica, sortirne da soli l’avarizia.” In merito è nota la straordinaria rilevanza che la Costituzione della Repubblica ebbe per il priore. Si racconta che sul comodino accanto al suo letto, a Barbiana, tenesse stabilmente due testi: la Bibbia e la Costituzione, la profezia religiosa accanto a quella laica e civile. E don Milani sottolineava: “il Vangelo vale solo per i credenti, ma la Costituzione è obbligatorio per tutti rispettarla.”

In “I CARE…” sono previsti spettacoli, presentazione ed edizione di libri, incontri (anche con Scuole), proiezioni di film, esposizioni. Si svolgerà prevalentemente nella sede-residenza dei Chille a San Salvi. In considerazione però del forte rilievo della sezione dedicata alla presentazione di libri sul tema, sono coinvolte nel progetto due importanti Biblioteche fiorentine: Biblioteca Luzi e BiblioteCanova, che ospiteranno ciascuna tre appuntamenti milaniani, a ulteriore riprova dell’attenzione della compagnia diretta da Ascoli-Abbondanza per i territori dei Quartieri 2 e 4.

Tra le tante presenze-partecipazioni al progetto, segnaliamo in ordine cronologico:

l’artista Renzo Francabandera, Eraldo Affinati-Ludovico Arte, Tomaso Montanari-Don Andrea Bigalli in “Passeggiando…per don Milani”, Istituto Morante-Ginori Conti, Alessandro D’Alessandro Film “Barbiana ‘65”, Mario Lancisi, Domenico Simeone, Aldo Bozzolini-Alessandro Santi, Fabrizio Borghini, Paolo Landi, Sandra Passerotti, Vanessa Roghi, e le compagnie-spettacoli "Cammelli a Barbiana" (Luigi d'Elia), "Quando non hai capito chiedi sempre: Don Lorenzo Milani” OrtoTeatro Pordenone, “Cara professoressa” (Beppe Casales). Da sottolineare ancora la proiezione del raro film “Don Milani” di Ivan Angeli che vide le partecipazioni…nel ruolo di se stessi, di Giorgio La Pira e padre Balducci.

I Chille de la balanza saranno presenti con una nuova edizione dello spettacolo da "Lettera a una professoressa" e con la seconda edizione del libro "Ho disegnato Lettera a una professoressa" di Monica Fabbri – SignoraB, prefazione di don Andrea Bigalli edizioni La conchiglia di Santiago. Infine, il video maker Marco Triarico realizzerà un docu-film sull'intero progetto, che sarà proiettato a San Salvi martedì 15 agosto.

Da segnalare che nei giorni dal 2 al 4 giugno dalle ore 15 alle ore 21 sarà aperto il laboratorio “Dipingi il tuo manifesto”: tutti i cittadini sono (nuovamente) invitati a dipingere…partendo da articoli della Costituzione. Troveranno sul posto carta (fogli di m. 1,00 x 1,50), pennelli e colore per realizzare manifesti-numeri unici che saranno poi composti in grandi manifesti di m. 8,00 x 3,00, fatti affiggere dai Chille in città.

Tra i primi appuntamenti, sempre il 2 giugno alle ore 18, il Festival ospiterà lo scrittore Eraldo Affinati e il professor Ludovico Arte, in un attesissimo confronto a partire dai due libri su Don Milani scritti da Affinati – “L’uomo del futuro” e “Il sogno di un’altra scuola”. L’incontro servirà anche per analizzare la straordinaria esperienza scolastica Penny Wirton inventata da Affinati e che a Firenze vive proprio all’Istituto Marco Polo, diretto da Arte, intellettuale molto noto in città anche in quanto curatore della rubrica su Repubblica sul mondo della scuola.  

Domenica 28 maggio, preziosa anteprima del Festival, dopo l’incontro alle ore 18 tra due tra i massimi esperti milaniani - Federico Ruozzi e Sandra Gesualdi - sul tema “Da San Donato a Calenzano a Barbiana. Il cammino di don Lorenzo Milani” -  i Chille presentano in prima assoluta la nuova edizione della loro produzione teatrale da Lettera a una professoressa. In quest’occasione l’ingresso ha un costo simbolico di 1€.Lo spettacolo, di e con Claudio Ascoli, e con Sissi Abbondanza e Monica Fabbri, si intitola “I care. Lettera a una professoressa”. Ha musiche originali di Alessio Rinaldi, immagini video di Francesco Ritondale, luci e suono curati da Teresa Palminiello e Francesco Lascialfari. E’ una nuova versione di uno spettacolo “storico” che debuttò nel 2011 al teatro Giotto di Vicchio, in occasione della Marcia a Barbiana. Lo spettacolo fu/è costruito in collaborazione con i ragazzi di Barbiana e non solo. La nuova messinscena propone quattro diverse scritture collettive. Come la “Lettera” fu una creazione collettiva di sei allievi sotto la guida del Priore, lo spettacolo dei Chille nasce da quattro scritture collettive…con la partecipazione attiva degli spettatori: la vita di don Lorenzo, a cura di Claudio Ascoli (con parole, oggetti ed eventi liberamente scelti dal pubblico), Imparar facendo con Sissi Abbondanza che con gli spettatori partecipanti costruisce elementi scenici e una scultura, assemblando materiali “milaniani”, Ho disegnato Lettera con signoraB (Monica Fabbri) che stimola la creazione dal vivo di disegni da parte del pubblico, e infine Luci e suoni,  reinventati sul momento e nell’occasione da Teresa Palminiello e Francesco Lascialfari.  Tra i tanti entusiastici commenti sullo spettacolo, ai Chille piace ricordare quello di Giuliano Scabia che lo definì un atto di amore. Questo spettacolo sarà poi nel Festival da martedì 27 a giovedì 29 giugno.

L’anteprima di domenica 28 maggio sarà seguita in una live performance di pittura dall’Artista Renzo Francabandera: le opere realizzate nella serata confluiranno nell’esposizione “PERFOR(MILANI)MA – Lorenzo e altre memorie vive”, il cui vernissage sarà venerdì 2 giugno alle ore 19.

Last but not least, domenica 25 giugno ci sarà la presentazione della nuova edizione del libro “Ho disegnato Lettera a una professoressa, di signoraB (Monica Fabbri) edizioni La conchiglia di Santiago. SignoraB ha iniziato come artista, illustratrice e performer, oggi è affermata anche come autrice di graphic novel: ha appena pubblicato con Guanda editori “REPARTO MACELLERIA”, ispirato ad un racconto di Marco Vichi. Nel 2017 assiste come spettatrice alla Lettera a una professoressa dei Chille e di getto crea il suo “Ho disegnato…”, subito pubblicato da La Conchiglia di Santiago. Di lì a breve l’ingresso nei Chille e proprio nello spettacolo su don Milani e i suoi ragazzi! La prefazione della seconda edizione è a cura di don Andrea Bigalli, referente regionale di Libera e soprattutto appassionato studioso di don Milani e della sua opera.

Ulteriori informazioni sul ricchissimo calendario del Festival sono sul sito dei chille: www.chille.it.