Home > Webzine > La caffetteria delle Oblate apre con un omaggio a De Andrè
domenica 17 novembre 2019

La caffetteria delle Oblate apre con un omaggio a De Andrè

22-05-2009
Si inaugura venerdì 22 maggio la nuova caffetteria della Biblioteca delle Oblate, dando così un nuovo servizio alla biblioteca più frequentata, con l'obiettivo di coniugare la tradizione di un luogo "monumentale" con le moderne esigenze dell'utenza, offrendo prodotti rigorosamente biologici e di provenienza locale. Sarà possibile pranzare in caffetteria e sulla terrazza, oppure prenotare una cena esclusiva. All'interno della caffetteria e sulla terrazza panoramica con vista Duomo sarà possibile fare colazione, mangiare originali panini, pranzare con le giornaliere proposte della cucina, sorseggiare ottimi cocktail e long-drink analcolici, bere un buon tè, mangiare un gelato e molto altro. La caffetteria si inaugura insieme all'apertura del festival dedicato a Fabrizio De Andrè, a dieci anni dalla scomparsa del cantautore genovese. Il primo evento è la maratona di lettura di "Un destino ridicolo", venerdì 22 maggio alle 19.00. Il libro, di Fabrizio De Andrè e Alessandro Gennari, è un vero e proprio amarcord, vagheggiato in prosa poetica, dell’universo cui le canzoni di Fabrizio fanno riferimento. Personaggi di frontiera, preti, giudici, dottori, portuali con qualcosa da nascondere, donne affascinanti in bilico tra santità e prostituzione, figure generatrici di poesia in virtù della loro emarginazione, del loro istinto alla sopravvivenza. La vicenda si svolge a Genova dove un marsigliese malavitoso, un pappone indolente e un pastore sardo scampato ad una pesante condanna organizzano il colpo della vita. Saranno però Fabrizio e Alessandro, personaggi-autori fino a quel punto marginali, a rintracciare e riannodare i fili delle avventure degli altri. E’ un libro fatto di tante storie: in ogni pagina emerge prepotentemente il talento del cantautore di tracciare ambienti, situazioni e stati d’animo della vita. Alle 21.00 sarà ospite il cantautore Oliviero Malaspina.