Home > Webzine > La Fiorentina torna in serie A
domenica 17 novembre 2019

La Fiorentina torna in serie A

21-06-2004

La Fiorentina pareggia 1-1 contro il Perugia e riconquista la serie A. I Grifoni retrocedono in serie B. Al 2° della ripresa è Fantini, autore del gol-vittoria all'andata al Curi, a siglare l'1-0 per i viola. All'82° Do Prado sigla il pareggio, inutile al Perugia per restare in serie A. Dopo la partita sono state tantissime le persone in moto ed in auto che nella notte hanno attraversato la città sventolando bandiere viola e suonando i clacson.

Photogallery della magica festa Viola per la promozione in serie A (a cura di Bifulco / De Santis / Castracane) 

Domenica sera allo stadio Artemio Franchi di Firenze c'erano anche tre collaboratori del Portalegiovani: di seguito pubblichiamo l'articolo di uno dei nostri inviati:

E' serie A

Ore 20.30: inizia il big match Fiorentina e Perugia, in un Franchi che straborda di entusiasmo, di passione, di calore. Bandiere, striscioni, sciarpe, fumogeni fanno da cornice al campo di gioco. Due striscioni su tutti: “Per Firenze e la sua gloria riprendiamoci la storiA” nella curva Fiesole e “E quindi uscimmo a riveder le stelle” nella Marione. In tribuna c’è anche Batistuta, accolto da un’autentica ovazione. Arbitra Rosetti, gli undici di Mondonico sono gli stessi dell’andata, con un Delli Carri in più e un Bacis in meno. Il primo tempo scorre senza particolari occasioni, né da una parte né dall’altra. Al 23’ Ravanelli viene ammonito per proteste, lo stadio esulta come se ci fosse stato un goal viola. Il suo trascorso juventino non è stato dimenticato. Al 45’ il primo vero brivido: Ariatti scaglia un bolide dai venti metri che Kalac devia in angolo. La ripresa viene anticipata dai fuochi d’artificio, uno spettacolo di luci e colori. Al 1’ arriva la rete del vantaggio gigliato, ad opera del ritrovato Fantini: Maggio, ottima la sua prestazione, recupera un difficile pallone, scende sulla fascia, crossa in mezzo e il match winner dell’andata, di testa, mette in rete. Corsa liberatoria sotto la Fiesole e tifosi impazziti di gioia. Al 13’ lo stesso Fantini si fa espellere per un fallo inutile a centrocampo. La Fiorentina si chiude e comincia a soffrire gli attacchi incessanti del Perugia. Al 37’ Do Prado gela gli spalti con un gran goal da fuori area. Gli ultimi minuti sembrano non passare, i fischi assordanti accompagnano le ultime azioni umbre. Ore 22.30: Rosetti chiude la partita. La Fiorentina torna nel calcio che conta dopo due anni di sacrifici e sofferenze, vissuti tra la C2 e la B. Comincia la festa per i 45.000 accorsi allo stadio, in un tripudio di bandiere viola.


di Anna Maria Bifulco