Home > Webzine > Behrami: “Per quest’anno l’obiettivo è la salvezza”
lunedì 18 novembre 2019

Behrami: “Per quest’anno l’obiettivo è la salvezza”

23-02-2011

Valon Behrami, acquisto invernale e subito entrato nel cuore dei tifosi per il suo spirito di sacrificio e voglia di far bene, mercoledì 23 febbraio in conferenza stampa ha parlato del suo inserimento in squadra e della situazione di classifica. “Sono venuto qua entusiasta con la voglia di far bene e di inserirmi il prima possibile. Ho cercato di immedesimarmi nella situazione che non era facile – continua – ed abbiamo ottenuto buoni risultati inizialmente”. Quando gli viene chiesto dei fischi durante Fiorentina – Samp: “I fischi ci stanno, perché quando uno paga il biglietto ha il diritto di fischiare se non apprezza lo spettacolo. L’importante è che se vogliamo fare qualcosa di costruttivo dobbiamo seguire una direzione positiva, nel calcio come nella vita”. Sugli obiettivi stagionali, il giocatore non ha dubbi: “L’obiettivo è la salvezza, poi vedremo di migliorare. Per la Fiorentina è brutto dire questo, ma per quest’anno è così”. Poi parla della squadra: “La più grande responsabilità che ho è ripagare la fiducia della società, sono venuto qui con tanta voglia, prendo ad esempio giocatori come Gilardino, Montolivo e lo stesso Mutu, che quando avrà più minuti nelle gambe tornerà ad essere decisivo. Nella partita di Palermo abbiamo dimostrato di essere una squadra importante che costruisce azioni da gol, e con la Sampdoria è stata una partita a sé. Dobbiamo prendere il pareggio come qualcosa di positivo e non deprimerci”. Gli viene fatta poi una domanda sulla situazione del calcio italiano: “Ci facciamo del male da soli, vediamo tutto negativo, contrariamente agli inglesi che ritengono il loro calcio come il migliore del mondo. Certo nelle coppe europee le squadre italiane non stanno andando bene ma in quel caso contano i soldi spesi”. Domenica c’è la trasferta di Bari: “Loro, credo, sono all’ultima spiaggia e quindi sarà una partita molto difficile e per questo dobbiamo stare attenti. Io sono a disposizione del mister, giocare a centrocampo a me va benissimo anche se non da esterno, perché sfrutto bene le mie qualità”. Infine una battuta in seguito alla domanda su quale squadra, in cui lui abbia giocato, sia la migliore: “Non ho dubbi: la Fiorentina”.

di Andrea Repek