Home > Webzine > ''Contro la droga spettacolo reality'', a Firenze le storie vere dei ragazzi di San Patrignano
mercoledì 07 dicembre 2022

''Contro la droga spettacolo reality'', a Firenze le storie vere dei ragazzi di San Patrignano

02-12-2011

Promuovere uno stile di vita sano e libero da ogni droga attraverso il racconto in prima persona di chi la dipendenza l’ha attraversata fino a toccare il fondo. Questo lo scopo del progetto "VitaDipendenti", realizzato dalla  Comunità di San Patrignano con il supporto del Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dell’Istituto Tecnico Economico R. Valturio di Rimini. Proprio nell’ultimo anno, secondo dati raccolti dall’Osservatorio di Epidemiologia dell’Agenzia Regionale di Sanità della Toscana, il consumo di sostanze stupefacenti tra i giovani toscani supererebbe la media nazionale.

Due gli appuntamenti e i format proposti. Venerdì 2 dicembre 2011 alle ore 10.30, a Firenze, è in scena "Ragazzi Permale" presso il Teatro Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303). Sabato 3 dicembre 2011 alle ore 10.00 è invece la volta di "Fughe da Fermi" a Borgo San Lorenzo presso l’Auditorium del Liceo Scientifico Giotto Ulivi (Via Caiani, 64).
A metà tra rappresentazione teatrale e talk show, lo spettacolo "Ragazzi Permale" porta in scena le storie di Lando e Nicola, due ragazzi di 23 e 29 anni ormai alla fine del loro percorso educativo e formativo a San Patrignano.  “Noi ragazzi spesso subiamo i messaggi di una società in cui sembra tutto lecito e in cui le sostanze sono spesso percepite non come pericolose ma come semplici beni di consumo” racconta Lando originario di Sassari.

Determinanti, per la realizzazione dell’iniziativa di prevenzione, la partecipazione dell’Istituto Tecnico Industriale Leonardo da Vinci a Firenze e dell’Istituto Giotto Ulivi a Borgo San Lorenzo, grazie ai quali saranno oltre 700 gli studenti che potranno avvalersi di questo strumento di prevenzione.  “E’ una formula efficace che proponiamo ormai da qualche anno” spiega Il Prof. Giuliano Fantechi, responsabile dei progetti per la prevenzione della dispersione scolastica, che insieme al nuovo Preside Prof Giacomo D’Agostino ha curato l’iniziativa per l’Istituto da Vinci Firenze.
“I ragazzi di San Patrignano parlano la stesa lingua dei nostri studenti, hanno vissuto gli stessi problemi e in più hanno una grande voglia di vivere. Per questo dopo lo spettacolo il percorso continua in classe e con la visita direttamente alla comunità”
Al centro di "Fughe da Fermi" , in scena a Borgo San Lorenzo, la storia di Giosuè, 24 anni e ormai quasi alla fine del suo percorso di recupero e formazione in comunità.  “Libertà? credevo che significasse fare quel che si voleva - spiega Giosuè - soltanto adesso sto scoprendo quello che è veramente: libertà per me significa esserci!”.

"La droga è un problema molto sentito dai giovani ma di non facile approccio – spiega Rita Caracci, Vicepreside del Liceo Giotto Ulivi e che insieme alla referente alla salute Gabriella Bernabei si è occupata del progetto – da parte sua la nostra scuola sta offrendo delle risposte concrete, dalla presenza continuativo dello psicologo a iniziative come questa di San Patrignano".

Al momento, a San Patrignano sono circa una trentina i ragazzi di Firenze arrivati in comunità proprio grazie all’operato del Gruppo 13 di Firenze che dal 1986 ad oggi è riuscita ad inserire oltre 500 ragazzi a San Patrignano. Punto di riferimento per oltre 100 famiglie di tossicodipendenti, l’associazione lavora a stretto contatto anche con il carcere, il Ser.T e le autorità locali.

"Il Dipartimento esprime la massima attenzione alla prevenzione dell’uso di droghe - sottolinea Giovanni Serpelloni, Capo Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri – e supporta progetti come questo dove si cerca di trasmettere ai giovani l’importanza di convogliare le proprie energie in attività costruttive come l’arte, la musica, la creatività. Lontano da tutte le droghe".

Dal 2005 ad oggi, gli spettacoli di prevenzione che San Patrignano porta in giro per l’Italia, hanno realizzato oltre 200 tappe e incontrato quasi 150.000 studenti.

Ma oltre che a scuola o a casa, il dialogo può proseguire anche sul web grazie al sito www.wefree.it