Home > Webzine > Qui Moena, Cognigni: ''Con Ljajic nessuna trattativa. Montella rinnoverà. Ilicic...''
sabato 24 ottobre 2020

Qui Moena, Cognigni: ''Con Ljajic nessuna trattativa. Montella rinnoverà. Ilicic...''

21-07-2013

Nel pomeriggio di domenica 21 luglio, nel ritiro della Fiorentina a Moena, è arrivato anche Mario Cognigni. Nella sala stampa del centro sportivo "Cesare Benatti", il presidente esecutivo viola ha fatto il punto della situazione su Ljajic, Verratti, Ilicic e non solo. 
 
"Ringrazio i tifosi i che hanno seguito la squadra a Moena. C’è tanto entusiasmo, sia qui che a Firenze. Quest’atmosfera non la si respirava da anni.
Lajajic? La trattativa con lui non esiste, è un giocatore della Fiorentina. Non è una nostra priorità al momento, è contento di stare con noi. Montella mi ha confermato con quanta voglia accetta i suggerimenti e quanto sia calato nel nostro progetto.
Verratti? E’ una idea nata l’anno scorso, avevamo portato avanti la trattativa col Pescara, ma col Psg nel mezzo non abbiamo potuto far niente. Difficilmente il Psg si priverà del giocatore, Blanc lo vuole mettere al centro del suo progetto tattico. E’ una trattativa difficilmente perseguibile.
Il portiere? Siamo soddisfatti di Neto e non lo dice il presidente della Fiorentina ma il comparto tecnico. Montella ha visto miglioramenti in Neto, non lo vede inferiore ai portieri tirati in ballo in questo periodo.
L’organico, ad oggi, può ritenersi completo, ma non significa che non interverremo più sul mercato. Il direttore ha le giuste capacità per operare. Solo quando avremo ridotto la rosa, potremo riparlare di nuovi interventi sul mercato. La rosa soddisfa le esigenze del nostro tecnico.
Il fair play finanziario, sopratutto nei primi anni, tende a ridurre le differenze finanziarie perché va a premiare le società più virtuose. Per cui squadre che hanno proventi superiori ai nostri si ritrovano con le mani legate per i bilanci in negativo che non gli permettono di investire. Il nostro organico quindi non è inferiore a squadre con introiti maggiori, anche il prossimo anno rispetteremo i parametri fissati.
Gli errori arbitrali? E’ un sistema che a volte premia e altre penalizza. Per una nostra scelta non siamo nel consiglio di Lega perché pensiamo che la Lega debba essere modernizzata in quanto la riteniamo obsoleta.
Ilicic? Nei prossimi giorni ci saranno altri colloqui col Palermo per arrivare a un punto di incontro che ad oggi non c’è. E’ una trattativa che portiamo avanti da tempo, ma il nostro direttore sportivo dice che siamo lontani dalla meta.
Montella? Rimarrà con noi a lungo. Abbiamo trovato un accordo sul prolungamento del contratto alla fine dello scorso campionato. Appena terminato il ritiro di Moena verrà ufficializzato il suo rinnovo.
Dove possiamo arrivare? Ci siamo rafforzati, adesso tocca al nostro mister, ma anche lui non può decidere il risultato delle partite. Ci sono molti fattori in gioco. Certo, guardando il nostro organico, sognare è lecito.
Jovetic? Considero la sua cessione una ferita. Va dato il merito a chi l’ha portato a Firenze.
Ramadani? Fa gli interessi dei suoi assistiti, e non della Fiorentina, ma sempre in modo corretto. Troveremo una soluzione per il rinnovo di Ljajic.
La Fiorentina continuerà a crescere, anche se il serbo dovesse andare via
".

Da Moena, Stefano Niccoli