Home > Webzine > Qui Moena, Marcos Alonso: ''Pasqual mi può insegnare tanto''
venerdì 22 novembre 2019

Qui Moena, Marcos Alonso: ''Pasqual mi può insegnare tanto''

22-07-2013

Ha lo stesso cognome del famoso pilota della Ferrari, la speranza dei tifosi viola è che sia veloce "come" Fernando. Stiamo parlando di Marcos Alonso, 22 anni il 28 dicembre prossimo.
Cresciuto nelle giovanili del Real Madrid, la scorsa stagione ha giocato in Inghilterra nel Bolton Wanderers, collezionando 35 presenze e cinque gol. Mancino naturale, probabile – se non sicuro - che mister Vincenzo Montella lo utilizzi come vice Pasqual. Soluzione ideale viste le tante partite che la formazione gigliata dovrà disputare da agosto a maggio.

Prima dell’allenamento delle 17, è proprio lo spagnolo a presentarsi nella sala stampa del centro sportivo "Cesare Benatti" di Moena.

"Sono molto felice di essere qui e spero di aiutare la squadra. Il mio ruolo? Ho sempre giocato come laterale sinistro e credo di poter giocare sia come terzino nella difesa a 4 che come esterno nel 3-5-2.
Qui alla Fiorentina ci sono grandi giocatori con cui allenarmi, un po’ come succedeva al Real Madrid. Si vede una differenza di valori tra qui e il Bolton. I primi due anni lontano da Madrid ho avuto qualche infortunio di troppo, ma l’ultima stagione è stata molto positiva e sono stato eletto come miglior giocatore della squadra. Per questo spero di ripartire da lì dimostrando al mister di poter giocare tutte le partite, per aiutare la Fiorentina a centrare il proprio obiettivo, cioè far meglio dello scorso anno. I miei idoli? L’unico che ho avuto è sempre stato mio padre.
Nella Fiorentina ci sono tanti giocatori da cui imparare, come Gomez, Rossi, Ambrosini e Pasqual che ha un sinistro eccezionale. Avevo ricevuto diverse offerte sia dall’Inghilterra che dalla Spagna ma ho scelto la Fiorentina per la fiducia dimostrata dalla società e per il tipo di gioco di Montella. Nell’ultima stagione la squadra ha dimostrato di essere una grandissima formazione e l’obiettivo è quello di crescere ancora. Ho parlato con Montella del gioco della Fiorentina.
Pasqual? E’ un giocatore con tanti anni di esperienza e può aiutarmi molto, è il giocatore della squadra da cui posso imparare di più. D’altra parte sono qui per crescere come giocatore e voglio dare il 100% per dimostrare di poter giocare, e non di essere la riserva di nessuno. Ognuno spera di giocare tutte le partite, avremo tre competizioni e ci saranno possibilità per tutti.
Mio nonno avversario dei viola nella Champions del ’57? Lo so e ne ho parlato con lui, mio nonno rubò la Champions League alla Fiorentina e sarebbe meraviglioso per me restituirla alla Fiorentina… Intanto speriamo di qualificarci il prossimo anno.
La nazionale spagnola? Sarebbe una gioia incredibile riuscire a conquistarla ma ci sono tanti giocatori molto forti e non a caso un grande giocatore come Borja Valero non ne fa parte.
Numero di maglia? Ancora non lo abbiamo deciso. Ho sempre portato il 3 ma nella Fiorentina non è libero, vedremo
".

Da Moena, Stefano Niccoli