Home > Webzine > Fiorentina stanca con la Lazio: buon punto all'Olimpico
giovedì 21 novembre 2019

Fiorentina stanca con la Lazio: buon punto all'Olimpico

07-10-2013

"Partite così, nella passata stagione, le avremmo perse". Parole del club manager Vincenzo Guerini dopo lo 0-0 della Fiorentina con la Lazio. Una frase che sintetizza alla perfezione la gara dei viola contro la formazione di Vladimir Petkovic. La stanchezza per via della partita d’Europa League col Dnipro si è fatta sentire. Poche volte avevamo visto i ragazzi di Montella giocare così compassati, di fatto mai pericolosi dalle parti di Marchetti, impegnato solo su alcuni cross. I biancocelesti devono recriminare per non aver sfruttato a dovere le tante palle gol create. Pareggio, quindi, che fa morale e da tenersi ben stretto. Per di più, se consideriamo che ieri sera mancavano Mario Gomez, Ante Rebic e Josip Ilicic. Rossi (a proposito, complimenti per la chiamata in nazionale) non ha inciso come ci si aspettava, mentre Cuadrado ha dimostrato di essere ancora in ritardo a causa della lussazione alla spalla rimediata contro il Cagliari. L'esterno dovrà sfruttare al meglio la convocazione con la Colombia per rimettere minuti nelle gambe e tornare il "Vespa" di un mese fa.

Nonostante una prestazione di scarsa qualità, bisogna sottolineare il carattere della squadra, brava a tenere botta al forcing della Lazio, sudandosi un pareggio – obiettivamente – poco meritato.
Lo 0-0 di Roma ha confermato, purtroppo, che Pizarro non è più decisivo come lo era la passata stagione. Il cileno è l’ombra di se stesso, anche ieri ha perso tantissimi palloni, basta vedere il contropiede concluso in malo modo da Pereirinha. Problemi di stanchezza? Di testa? Difficile saperlo. Ciò che serve è il Pek metronomo che conoscono tutti e non la sua copia sbiadita.

La sosta arriva al momento giusto. In molti si potranno dedicare al recupero delle forze e alla correzione di quegli errori che nelle ultime gare hanno condizionato, in un modo o nell’altro, i risultati finali. Chi sarà impegnato, invece, con le rispettive selezioni (oltre ai già citati Cuadrado e Rossi, ci sono Pasqual, Aquilani, Mati, Pizarro, Savic, Tomovic, Bakic, Wolski e Vargas) dovrà stare attento a non farsi male. Domenica 20 ottobre al Franchi c'è la Juventus, il match dell'anno, fondamentale arrivarci con la rosa al completo.

Stefano Niccoli