Home > Webzine > Va in goal Giuseppe Rossi e la Fiorentina vince sul campo del Sassuolo
mercoledì 28 ottobre 2020

Va in goal Giuseppe Rossi e la Fiorentina vince sul campo del Sassuolo

23-12-2013

Segna sempre lui. Ci pensa Giuseppe Rossi a regalare alla Fiorentina l'ultima vittoria del 2013. La diciassettesima in trasferta, numeri da record. Si conclude, quindi, nel migliore dei modi un anno coi fiocchi, pieno di gioie e soddisfazioni, nel corso del quale la realtà viola è diventata una delle più seguite ed ammirate. In Italia e all'estero. Tre punti – quelli col Sassuolo – conquistati da grande squadra, senza troppi estetismi, con grinta, cattiveria, decisione e massima concretezza. Contro la formazione di Eusebio Di Francesco contava solo vincere, non come. “Toppare” l'appuntamento di Reggio Emilia avrebbe rappresentato un grosso rimpianto in virtù del pareggio del Napoli a Cagliari sabato sera. Per fortuna così non è stato e adesso il terzo posto Champions, occupato proprio dai partenopei, dista appena tre lunghezze. Insomma, c'è tutto per brindare felici all'arrivo delle feste. Adesso qualche giorno di pausa, il tempo di riposarsi e ricaricare le pile in vista di un 2014 pieno di impegni in campionato, Europa League e Coppa Italia.
Tante note positive dalla partita del Mapei Stadium. Di Pepito è facile parlare, incisivo come sempre. Per l'ex Villareal già quattordici gol in diciassette partite, a testimonianza di come sia lui il trascinatore della squadra. Una rete fantastica e se pensiamo che è andato a segno col  piede “sbagliato” - il destro -, ci rendiamo conto che siamo di fronte a un autentico campione.
Molto bene anche Neto, in costante crescita tra i pali. Aquilani continua a mostrare i suoi progressi davanti alla difesa al posto di David Pizarro. Per la seconda volta consecutiva, poi, la difesa gigliata non ha subìto gol e questo è sicuramente un dato confortante per il futuro. Esame superato anche da parte di Ilicic: lo sloveno è stato uno dei più propositivi, peccato per quel palo colpito su perfetto assist di Rossi.
E non dimentichiamoci che mancavano Gonzalo Rodriguez per infortunio, Cuadrado per squalifica, oltre naturalmente a Mario Gomez. Giocatori fondamentali e difficilmente sostituibili. A proposito del tedesco, a meno di clamorosi imprevisti il panzer dovrebbe rientrare tra i convocati per la partita del 5 gennaio contro il Livorno. Se lo staff medico non lo dovesse ritenere ancora pronto, lo rivedremo la settimana successiva col Torino all'Olimpico.
La gara con gli emiliani ha confermato che i gigliati giocano peggio dell'anno scorso: un'ora di sofferenza, possesso palla sterile con il rischio del contropiede neroverde dietro l'angolo. La Fiorentina 2013-14 è stata costruita per essere più concreta, più cinica, per fare risultato. Alla faccia del tiki taka e della manovra bella, avvolgente, ma spesso improduttiva tipica della passata stagione. Se i risultati continueranno ad esser questi, perché preoccuparsi.

Stefano Niccoli