Home > Webzine > Catania-Fiorentina, Montella: ''Matri è pronto''
mercoledì 28 ottobre 2020

Catania-Fiorentina, Montella: ''Matri è pronto''

18-01-2014

Euforia.  E’ il sentimento senza dubbio dominante in casa Fiorentina. E non potrebbe essere altrimenti. Nonostante il mercato sia iniziato da poco più di dieci giorni, la premiata ditta Pradè-Macià ha già messo il suo zampino con i colpi Matri dal Milan e Anderson dal Manchester United. Due giocatori che a Firenze avranno la possibilità di riscattarsi anche in vista dei Mondiali brasiliani della prossima estate. Ancora una volta – se mai ce ne fosse bisogno – la società si è dimostrata abile a muoversi in anticipo rispetto alle concorrenti, ma soprattutto brava a parlare con i fatti.

Va bene l’euforia in sede di mercato, ma ora l’imperativo è tornare ad essere concentrati sul campo. Domenica i gigliati sono attesi dalla sfida di Catania e, alla luce dell’ultima posizione in classifica e dei quattro gol subìti dagli etnei in Coppa Italia contro il Siena, quello del Massimino sembra un match dal risultato scontato. La piazza è in subbuglio e la squadra sta vivendo un momento di confusione come forse non aveva mai vissuto dalla promozione in Serie A nel 2005. Il ritorno di Rolando Maran al posto dell’esonerato Gigi De Canio lo testimonia. Se la Fiorentina farà la...Fiorentina non ci saranno problemi a conquistare i tre punti. Ma Vincenzo Montella, che conosce bene l’ambiente rossoazzurro, sa di non potersi fidare troppo dei siciliani. Tutte le partite possono nascondere delle insidie se affrontate senza la giusta cattiveria e tensione agonistica e poi si sa che a volte le formazioni in lotta per la salvezza possono avere scatti di orgoglio impensabili. Non ci dimentichiamo, inoltre, che Catania è da sempre un campo ostico per i viola che non ci vincono dalla stagione 2008-09.

Un successo sancirebbe il definitivo distacco dal Verona e dall’Inter, indietro di cinque punti e impegnati rispettivamente nelle difficili sfide contro Milan (a San Siro) e Genoa (a Marassi).
Vietato sbagliare quindi. Anche perché il treno per la Champions è lontano cinque lunghezze e perdere altro terreno dal Napoli significherebbe dare quasi definitivamente l’addio alla coppa dalle grandi orecchie.

Dalla sala stampa "Manuela Righini", le parole di Vincenzo Montella:

"La società si è mossa con tempismo per provare a migliorare la squadra, Anderson avrà bisogno di più tempo per ambientarsi mentre Matri e Rosati sono già pronti per darci un contributo importante. Questa società ha sempre dimostrato di voler migliorare la rosa a disposizione ma il gioco delle parti prevede che io continui sempre a dire che la squadra si può ancora migliorare, abbiamo le idee chiare per quanto riguarda il mercato. A causa degli infortuni è stato necessario un ulteriore sforzo da parte della società. Matri ha giocato sia da prima che da seconda punta, nel 3-5-2 e come unico attaccante, è un giocatore versatile. Ci siamo mossi in fretta per prendere un giocatore che volevamo e che ci serviva.
La partita contro il Catania sarà difficile per vari motivi, per la loro posizione in classifica e per il fatto che recuperano alcuni giocatori importanti, hanno la rosa quasi al completo. E’ una squadra valida, senza sfortuna avrebbe potuto fare un campionato diverso. Per loro è una partita chiave e faranno di tutto per fare punti. Noi d’altra parte faremo di tutto per portare a casa il massimo risultato anche attraverso dei video che ho già fatto vedere ai ragazzi, sarà una battaglia.
Anderson è un ragazzo molto sveglio, mi sembra che si sia già calato in questa realtà e voglia giocare fin da subito, è molto scaltro e tra un po' di tempo lotterà con gli altri per un posto da titolare. Il ragazzo è un giocatore eclettico ma non so se già con il Genoa potrà essere a disposizione. A me non piace fare paragoni con il campionato scorso perché ogni torneo ha una storia particolare ma è anche vero che una crescita c’è stata ed è stata continua. Quando torno a Catania c’è sempre un po' di emozione, mi auguro di poterlo continuare a fare anche nei prossimi anni.
Non so se la prossima settimana può essere quella giusta per rivedere Gomez in gruppo. Abbiamo giocato tutto il girone d’andata senza di lui e per noi è stata una grossa perdita, così come quella di Rossi, ma la squadra deve reagire al meglio a queste due assenze importanti. Pepito sta proseguendo al meglio il suo lavoro in America, dobbiamo solo aspettare l’esito delle visite a cui si sottoporrà.
Su Seedorf sono curioso, come si può essere curiosi di un collega, non penso che non abbia l’esperienza giusta per allenare una squadra come il Milan. Sulla carta anche Roma e Napoli si sono rinforzate, rispetto Conte se si dice preoccupato. In Coppa Italia preferisco sicuramente affrontare il Siena in casa rispetto al Catania in trasferta ma ogni partita è un ostacolo e non sarà facile.
La società ha dato un segnale molto forte con gli innesti che ha fatto, noi abbiamo la nostra convizione ma essa non deve mai diventare presunzione. Quando scenderemo in campo non dovremo avere alibi. I rinnovi di contratto di Borja e Cuadrado? Sono arrivati alcuni rinnovi importanti e arriveranno altri importanti, ma a volte può anche essere necessario vendere, la cosa fondamentale è vendere bene e comprare meglio
".

Le probabili formazioni:
Catania: Frison, Rolin, Gyomber, Spolli,Biraghi, Iztco, Rinaudo, Plasil, Barrientos, Bergessio, Castro.
Fiorentina: Neto, Tomovic, Gonzalo, Savic, Cuadrado, Aquilan, Pizarro, Borja Valero, Pasqual, Ilicic, Matri.

di Stefano Niccoli