Home > Webzine > Fiorentina alla prova Siena nel derby di Coppa Italia
lunedì 18 novembre 2019

Fiorentina alla prova Siena nel derby di Coppa Italia

22-01-2014

Non c’è un attimo di respiro per la Fiorentina. Dopo il 3-0 di Catania in campionato, è la Coppa Italia a tornare protagonista. Eliminato il Chievo Verona agli ottavi di finale, ai quarti i viola incontreranno il Siena. La partita è in programma giovedì 23 gennaio 2014 alle 21.00 allo stadio Artemio Franchi di Firenze. In caso di approdo in semifinale, Pasqual & Co. se la dovranno vedere contro Milan o Udinese.

Queste le parole del mister Vincenzo Montella:
"Turnover? Ci giochiamo una semifinale a cui teniamo molto, l’intenzione è giocare per vincere sapendo che è una partita con delle insidie, il Siena potrebbe ben figurare in Serie A. Non ci sarà molto turnover, si stravolgerebbe troppo la squadra, tutti i giocatori si devono sentire importanti.
Chi tifo tra Milan e Udinese? La Fiorentina (ride, ndr).
Matri? Per domani non è disponibile. Cerchiamo di recuperarlo per domenica. Gomez? Non lo so quando rientrerà, ancora non  è tornato in gruppo.
Per la Fiorentina è importante portare giovani in prima squadra e questa cosa è successa ultimamente. Si vince poco, perché vince solo una squadra nelle varie competizioni. Per vincere ci devono essere delle componenti tecniche e anche  un po’ di fortuna.
Ci giochiamo una semifinale a cui teniamo molto a prescindere dall’avversario e dalla storia dei Della Valle.
La nostra idea di calcio si basa sul collettivo e non sul singolo giocatore.
Matos e Rebic stanno crescendo, Rebic ha preso un pestone, mi auguro sia disponibile, Matos era vivo fino a ieri (ride, ndr). Non voglio commentare il gesto di Spolli.
Wolski e Vecino? Non decido da solo sul loro futuro, ne parlo con la dirigenza e anche i calciatori dicono la loro. Alcuni giovani avrebbero bisogno e voglia di giocare di più. Sono giocatori che terrei volentieri, ma dipende da loro.
Mati Fernadez? E’ un giocatore di grande talento, il suo problema è stata l’assenza di continuità perché molte volte era infortunato. Dall’inizio della stagione sta avendo una continuità di allenamento diversa dal passato e in campo si vede.
Fiorentina B?  Non so quali possano essere i vantaggi , se questo comporta avere la prima squadra più forte nei sarei felice, così come lo sarebbero tutti i tifosi.
Difendiamo meglio rispetto a prima, c’è una crescita per quanto riguarda la fase difensiva e non solo i singoli.
L’infotunio di Tomovic cambia le strategie di mercato? E‘ un infortunio abbastanza lungo, sarà assente 5-6 partite, in difesa siamo contati, forse qualcosa sul mercato potremmo fare, bisogna vedere cosa offre.
Siamo ancora distante dalla finale. I Della Valle hanno vinto molto in questi dieci anni anche se non hanno alzato un trofeo, la squadra è amata dai tifosi e dal resto d’Italia e la società ha avuto quasi sempre il bilancio in pareggio.
Noi lavoriamo a prescindere dai ruoli. Pasqual a Catania ha fatto un’ottima partita, bene anche Vargas anche se molti dicevano che i due erano incompatibili. La squadra ha giocatori molto evoluti tecnicamente e tatticamente.
Mexes? Non ne so niente, è un giocatore che ha tanti pregi e qualche difetto, ma è normale.
Per quanto riguarda gli arbitri stiamo vivendo una situazione abbastanza tranquilla. L’importante è avere i toni giusti.
Giacomelli arbitro di Fiorentina-Pescara 0-2? Non ci avevo pensato.
Il Siena ha giocatori validi in attacco come Rossetti e Giannetti, ma anche noi ne abbiamo.
Di Dainelli non so niente, ma il mercato è aperto a tutto. Sta giocando meglio che in passato
".

Le probabili formazioni:
Fiorentina (4-3-2-1): Neto, Roncaglia, Gonzalo Rodriguez, Savic, Pasqual, Aquilani, Pizarro, Borja Valero, Joaquin, Cuadrado, Matos.
Siena (3-4-3): Lamanna, Giacomazzi, Dellafiore, Matheu, Angelo, Valiani, Pulzetti, Feddal, Rosina, Paolucci, Giannetti.

di Stefano Niccoli