Home > Webzine > Esbjerg-Fiorentina, Montella. ''Non siamo stanchi. Potrebbe giocare Bakic''
martedì 12 novembre 2019

Esbjerg-Fiorentina, Montella. ''Non siamo stanchi. Potrebbe giocare Bakic''

19-02-2014

Ritorna l'Europa League. Giovedì 20 febbraio la Fiorentina scenderà in campo in Danimarca contro l'Esbjerg per l'andata dei sedicesimi. I viola non si presentano al meglio alla gara contro la formazione di Niels Frederiksen: la stanchezza si fa sentire e in più mancheranno per infortunio Gonzalo Rodriguez, Cuadrado e Vargas. Non inseriti, invece, nella lista Uefa Diakitè, Anderson, Rebic e Wolski. I gigliati dovranno cercare di chiudere la pratica qualificazione fin da subito, ma non sarà facile. Soprattutto per il clima rigido che Pasqual & Co. troveranno (sono previsti zero gradi).

Dallo stadio "Blue Water Arena" di Esbjerg, le parole di Vincenzo Montella:

"Squadra stanca? No, non è vero. Spesso quel che dice l’allenatore non è sempre realtà. Quali sono i punti di forza dell’Esbjerg? E’ una squadra ordinata che assomiglia molto al Grasshopper. Sono abili sugli esterni. In Europa si gioca molto più velocemente ed intensamente rispetto al nostro campionato, che è più tattico. Se vedremo un tempo Mario Gomez? Se siete nella posizione giusta lo vedrete tutto il tempo (Montella ride, ndr). Non ha ancora il ritmo per reggere i 90 minuti. Le condizioni ambientali? Ci vogliamo giocare la qualificazione e molto dipenderà da noi. Bakic? Ci sta che possa far parte del match, dall’inizio o in corso. Ci abbiamo puntato tanto, ha bisogno di crescere e lo potrà fare benissimo con noi.
Noi rispettiamo molto l’avversario, ha avuto un cammino eccellente in Europa League. La qualificazione va conquistata sul campo e soltanto se giocheremo al massimo ce la potremo fare. Voglia di riscattarsi dopo il ko con l'Inter? Questa squadra mi ha già dimostrato in passato di saper reagire e credo che ci metterà la stessa voglia. Non vogliamo alibi, ma soltanto motivazioni per fare meglio. Purtroppo questo l’abbiamo constatato più volte. Se c’è rabbia per non aver potuto allenare la formazione ideale? Un allenatore deve sempre far bene con quello che ha a disposizione. La squadra fino ad oggi ha fatto un grandissimo campionato, nonostante le difficoltà. Abbiamo consolidato un percorso iniziato l'anno scorso
".

di Stefano Niccoli